Lo sport senza barriere: le Olimpiadi

Appunto inviato da trik95
/5

Tesina sull'integrazione fra i popoli in ambito sportivo con una analisi dei giochi olimpici per l'esame di terza media (3 pagine formato doc)

SPORT E OLIMPIADI

Lo sport senza barriere: le Olimpiadi.

Lo sport ha regole ma non ha barriere: non ci sono distinzioni di colore della pelle, di religione, di nazionalità, di ceto sociale. Di fronte ad un’asta, nelle pedane dei lanci e dei salti come nelle corsie delle piste si è tutti pari, nel senso che ognuno ha i diritti di tutti gli altri. La selezione verrà fatta dalla preparazione, dall’intelligenza e dalla volontà personale.
Più che mai di fronte alla vittoria sportiva tutti gli uomini sono uguali e a dimostrarlo c’è la storia di tutte le Olimpiadi e delle altre manifestazioni sportive.
Liberato dai vincoli dell’interesse economico e dalle strumentalizzazioni politiche, lo sport è davvero lo spazio della libertà, dell’uguaglianza e della fratellanza tra i popoli.
Lo sport ha quindi la funzione di unire tra loro le Nazioni e gli uomini sotto l’unica bandiera del valore della persona, al di là di ogni differenza interculturale.

OLIMPIADI ANTICHE E MODERNE

GIOCHI OLIMPICI -  I Giochi olimpici sono un evento sportivo quadriennale che prevede la competizione tra i migliori atleti del mondo in quasi tutte le discipline sportive praticate nei cinque continenti.
Il nome Giochi Olimpici è stato scelto per ricordare i giochi che si svolgevano nell'antica Grecia presso la città di Olimpia, nei quali si confrontavano i migliori atleti greci fin dal 776 a.C. e che avevano  cadenza quadriennale.
Nell’antichità lo sport era tenuto in così grande considerazione che, in occasione dei Giochi, venivano sospese tutte le guerre. Gli atleti vincitori venivano premiati con una corona d’ulivo, l’albero sacro che Atena aveva donato al popolo greco, e venivano ricoperti di onorificenze. Al loro ritorno a casa grandi erano i festeggiamenti e spesso veniva loro eretta una statua che ne ricordasse le imprese.

Storia degi giochi olimpici antichi e moderni

LO SPORT E LE OLIMPIADI

Il barone Pierre De Coubertin alla fine XIX secolo ebbe l'idea di organizzare dei giochi simili a quelli dell'antica Grecia e la prima Olimpiade dell'era moderna si svolse ad Atene nel 1896. A partire dal 1924, vennero istituiti anche dei Giochi Olimpici invernali specifici per gli sport invernali e in più, esistono anche le Paralimpiadi, competizioni fra persone diversamente abili.
La bandiera olimpica raffigura cinque anelli intrecciati in campo bianco. Il colore di ogni anello rappresenta un Continente, dunque sono presenti tutte le parti del mondo: il colore blu simboleggia l’Europa, il giallo l’Asia, il nero l’Africa, il verde l’Australia, il rosso il continente americano. L’intreccio degli anelli rappresenta invece l'universalità dello spirito olimpico.
Il motto dei Giochi olimpici è Citius, altius, fortius, ovvero "Più veloce, più alto, più forte".