Vita e opere di Aristotele

Appunto inviato da antheal2000
/5

Aristotele fu uno dei maggiori filosofi dell'antica Grecia, maestro di Alessandro Magno e allievo di Platone. Tesina sulla vita, opere e pensiero di Aristotele (5 pagine formato doc)

VITA E OPERE DI ARISTOTELE

Aristotele. Aristotele (in greco Αριστοτέλης) fu uno dei maggiori filosofi dell'Antica Grecia, maestro di Alessandro Magno e allievo di Platone.

Assieme a quest'ultimo e al suo relativo maestro, Socrate, lo stagirita è considerato uno dei più influenti pensatori della filosofia antica, nonché uno di quelli di cui sono giunte a noi più opere. Per questo motivo Platone ed Aristotele sono posti come fondamento della tradizione filosofica occidentale.
Alcuni dei testi scolastici e appunti personali scritti per il Liceo, la scuola da lui fondata, sono giunti fino a noi: l'Organon (una raccolta di trattati di logica), la Fisica, la Metafisica, l'Etica Nicomachea, la Politica, la Poetica, la Meccanica, il trattato Sull'anima, e altri.
Aristotele può essere considerato come il primo uomo universale: i suoi studi spaziarono dalle scienze—anatomia, astronomia, economia, embriologia, geografia, geologia, meteorologia, fisica e zoologia—alla filosofia—estetica, etica, metafisica, politica, psicologia, retorica e teologia—ad altre discipline ancora, come l'educazione, la letteratura e la poesia. La sua Metafisica è inoltre per noi una delle più ricche fonti della filosofia presocratica.

Aristotele: vita, opere e pensiero

ARISTOTELE: BIOGRAFIA E OPERE

Aristotele, al contrario di Platone, dava gran valore alla conoscenza acquisita attraverso i sensi, conoscenza che doveva però essere ben condotta dagli strumenti della logica. Sulla base di questa considerazione nascono i legami tra Aristotele e Empirismo, metodo scientifico e filosofia analitica.
La vita
Aristotele nacque a Stagira, una colonia della città di Andros situata nella macedona Penisola Calcidica, nella parte settentrionale della Grecia, nel 384 a.C., anno della 9a Olimpiade. Il padre, Nicomaco, era medico personale di Aminta III di Macedonia; della madre, Phaestis, poco è conosciuto. Si crede che la posizione di medico di corte fosse tenuta da diverse generazioni dagli antenati di Aristotele: è per questo motivo che la prima educazione impartita al giovane fu probabilmente di medicina e biologia. Rimasto orfano in tenera età a causa della prematura morte di entrambi i genitori, Aristotele venne affidato alle cure di Prosseno da Atarneo, che provvedde a insegnargli il Greco, la retorica e la poesia.
All'età di diciassette anni si trasferisce ad Atene, per studiare in quella che era una delle scuole più prestigiose del suo tempo, l'Accademia fondata da Platone.

Vita e opere di Aristotele: riassunto

ARISTOTELE: OPERE

Nel periodo di permanenza nell'Accademia, durato vent'anni, Aristotele ebbe modo di farsi conoscere dall'ambiente intellettuale presente; la sua vivacissima intelligenza fu sotto di gli occhi di tutti, tanto da meritargli il soprannome di "mente".
Nel 348/7, anno della morte di Platone, nel momento in cui il filosofo Speusippo viene designato a succedere al maestro nella direzione della scuola, Aristotele abbandona l'Accademia assieme a Senocrate. Ha inizio così il periodo dei viaggi: Aristotele soggiorna prima ad Atarneo, presso il tiranno Ermia di cui sposa la sorella Pitia, poi a Mitilene, nell'isola di Lesbo; in questo periodo si dedica alla ricerca e forse anche all'insegnamento (secondo Jaeger avrebbe fondato ad Asso, assieme ai filosofi Senocrate, Erasto, Corisco una sorta di succursale dell'Accademia).