Tesina maturità la vita in funzione delle incognite

Appunto inviato da lbrtprn
/5

Tesina maturità per il liceo scientifico sulla "vita in funzione delle incognite", che collega le seguenti materie: filosofia, italiano, fisica, scienze, arte (22 pagine formato pdf)

TESINA MATURITA' LA VITA IN FUNZIONE DELLE INCOGNITE

La vita in funzione delle incognite.

Liceo scientifico.
SOMMARIO
Introduzione
Kierkegaard: incognita come incapacità di scelta
Il lavoro di Kierkegaard
La situazione dell’uomo di fronte all’incognita
Leopardi e Verga: un’incognita a due facce
L’incognita destinata a scontrarsi con la realtà
L’incognita come limite della conoscenza
Il ruolo dell’incognita

Tesina sull'ignoto

 

TESINA SULLE INCOGNITE DELLA VITA: INTRODUZIONE

Nel cercare una tematica sulla quale costruire un percorso interdisciplinare ho riflettuto a lungo sulla vita di tutti i giorni. Ho pensato alle giornate scolastiche, ai momenti di studio pomeridiani ma anche allo sport e alle attività quotidiane.
Nel tentativo di trovare una passione che ben si prestasse a collegamenti con il programma svolto a scuola, mi sono spinto in una riflessione più profonda.

Considerando i diversi percorsi, mi sono reso conto che ognuno aveva degli aspetti che mi affascinavano enormemente senza che nessuno prevalesse sull’altro. Dovendo focalizzarmi su un unico tema, mi sono trovato in difficoltà in quanto ogni scelta comportava la rinuncia ad altri che mi incuriosivano e interessavano in egual misura, pur se per aspetti differenti. Proprio in questa situazione mi è venuto in mente Kierkegaard e ho percepito come la sua filosofia fosse vicino alla realtà, iniziando così a riflettere sul perché della difficoltà nell’effettuare una scelta.
Nella vita di tutti i giorni mi è capitato e mi capita tuttora di dover prendere delle decisioni; alcune risultano relativamente semplici, altre invece si rivelano complesse anche per via dell’incertezza che le accompagna. Ad un primo approccio questo “lato oscuro” causa angoscia e preoccupazione e rende ancor più difficile la scelta. Per questo motivo molto spesso l’ignoto viene visto con distacco, timore e si cerca di evitarlo. Personalmente ritengo invece che l’incognita, intesa come impossibilità di conoscere tutto, non sia da considerarsi un difetto e un limite umano, bensì uno stimolo e un motivo in più per vivere.

Le derivate: spiegazione di matematica

 

TESINA INCOGNITA

Molte volte, in particolare durante le situazioni difficili, l’unico modo per andare avanti è sperare che qualcosa dell’ignoto futuro possa cambiare la nostra situazione. Chi ritiene che la conoscenza del tutto sarebbe un dono grandissimo in realtà sbaglia in quanto, senza l’incognita, si perderebbero il gusto e la speranza che rendono meno angosciante il presente. Il significato della vita si nasconde proprio dietro alla bellezza di ciò che non si conosce e al desiderio di riuscire a scoprirlo. Questa è la motivazione principale per la quale ritengo che la vita debba restare in funzione dell’incognita e meriti di essere vissuta in tal senso.
Nel percorso proposto partirò da un’analisi in ambito filosofico-umanistico, sviluppando il fascino e l’importanza che l’incognita racchiude in sé, fino a giungere nel contesto più scientifico, legato al campo fisico-matematico, che, nonostante cerchi di spingersi sempre più verso l’inconoscibile, è consapevole che non potrà mai raggiungere una pura verità.