Tesina sulla libertà e società

Appunto inviato da OrTd
/5

Tesina di maturità sulla libertà e la società che comprende le seguenti materie: storia, filosofia, italiano, latino e greco (7 pagine formato doc)

TESINA SULLA LIBERTA' E SOCIETA'

Tesina Libertà e società.

Filosofia - “La società giusta”. Il ‘900 è stato il secolo in cui hanno avuto maggiore diffusione gli ideali di libertà e democrazia, ma allo stesso tempo esso può essere definito un periodo storico contraddittorio, in quanto si è potuto assistere anche allo scoppio della seconda guerra mondiale ed allo sviluppo dei regimi totalitari; di fronte a questo complesso scenario, fu particolarmente acceso il dibattito filosofico sui contenuti e sui fini dell’organizzazione della società, quindi sulla giustizia del suo assetto e sui suoi fondamenti, per fare in modo che i diritti di ogni uomo venissero rispettati e che non si ripetesse ciò che era accaduto; lo scopo del confronto riflessione era quello di  elaborare un modello di società in cui potesse essere garantita sia la libertà individuale che la giustizia sociale.

Tesina sulla libertà


TESINA SULLA LIBERTA' DI PENSIERO

In particolare, tale acceso dibattito ha dato vita a quella che è stata definita “Teoria politica”; sul suo sviluppo hanno pesato il tracollo dei sistemi di socialismo realizzato e i processi di trasformazione delle strutture della società, determinati sia dalla rivoluzione tecnologica, sia dai nuovi equilibri internazionali, sia  dallo sviluppo della società di massa e dall’irruzione delle masse sulla scena politica.
I problemi fondamentali di cui si occupava la teoria politica erano:
•    come conciliare libertà e giustizia sociale;
•    quali criteri direttivi debbano essere seguiti nel disegnare modelli ci convivenza nei quali il riconoscimento dell’autonomia dell’individuo si equilibri con un’uguaglianza tra tutti i membri della comunità;
•    quali dovevano essere le “carte dei diritti” e se la stessa uguaglianza doveva essere concepita in termini di astratta possibilità o di effettive opportunità e capacità garantite a tutti i cittadini;
•    di quale giustizia si potesse parlare guardando alle enormi differenze tra Nord e Sud del mondo e quali potessero essere i principi e gli strumenti di un ordine di giustizia a livello planetario, quali, cioè potessero essere le idee regolatrici di un’etica globale de popoli del XXI secolo e di una politica con essa coerente.
Il problema della giustizia, quindi, si presentava al centro di un radicale conflitto di interessi materiali e di concezioni ideologiche

Tesina sulla libertà e i suoi paradossi


TESINA SULLA LIBERTA', SCIENZE UMANE

Simone Weil.

Una dei protagonisti dello sviluppo della teoria politica fu sicuramente Simone Weil, autrice delle “Riflessioni sulle cause della libertà  e dell’oppressione sociale”, in cui imputa la perdita della libertà dei cittadini allo sviluppo economico del secolo appena trascorso, in quanto ritiene che esso abbia aumentato la dipendenza dell’individuo da tutti gli altri; tale dipendenza si è trasformata in soggezione al potere. In particolare, la descrizione della condizione operaia la porta ad una serrata critica del capitalismo industriale; ella si interroga sul perché sembra impossibile cancellare l’oppressione e l’ingiustizia nella società umana, e quindi anche la tendenza delle rivoluzioni a tradire le loro promesse.
Secondo la Weil, alla base dell’ingiustizia, prima ancora della proprietà privata dei mezzi di produzione, c’è la divisione tra lavoro intellettuale e lavoro manuale, tra funzioni direttive e funzioni esecutive; attraverso questa separazione, la società industriale ha aumentato enormemente la complessità della sua organizzazione, ponendo le condizioni per un potere sempre più forte; in questo contesto, gli operai sono assoggettati da un meccanismo che li sovrasta e che essi non sono in grado di capire. Sono stati sradicati dal loro passato, e gettati in una condizione di solitudine e di assenza di valori, mentre si rafforzano le gerarchie e i poteri burocratici. Il capitalismo, con la  sua ferrea logica di asservimento della persona umana ai ritmi del lavoro produttivo quindi, è la causa dell’oppressione che, dopo quella attuata con la forza delle armi, i popoli europei  devono ancora subire.

Tesina sulla libertà di stampa per la maturità


TESINA SULLA LIBERTA' DI ESPRESSIONE

La pensatrice si concentra quindi sulla possibilità di un graduale miglioramento dell’ organizzazione lavorativa; questo può essere attuato solamente ridendo dignità al lavoro degli operai, un lavoro che però deve basarsi sulla compenetrazione dell’ ideazione e dell’esecuzione; la sua, però è una visione pessimistica. Infatti, vede la società muoversi in senso contrario, e ciò la spinge a credere in una prospettiva di salvezza ultraterrena, facendola avvicinare alla religione cristiana, alla quale però non aderisce totalmente, in quanto ne accetta i principi ma non condivide l’atteggiamento della Chiesa, che nell’imporre i suoi dogmi ai fedeli, può essere paragonata ai regimi totalitari. Secondo la Weil, quindi, la costruzione di una società più giusta e liberale, rispettosa di tutte le persone, deve poggiare anche su basi etiche e religiose, su una rigenerazione spirituale di individui e collettività.