ricerca divinità artemide (Diana)

Appunto inviato da fede86xxx
/5

ricerca correlata di molte immagini e fotografie su artemide e il mito di atteone sbranato dai cani (3 pagine formato doc)

Untitled ARTEMIDE Artemide è una delle grandi divinità greche, figlia di Zeus e di Latona, sorella di Apollo e identificata dai Romani con Diana.
Raffigurata solitamente come fanciulla cacciatrice, armata di arco e di frecce, è simbolo della potenza della Luna che si manifesta soprattutto nel ciclo della fecondità femminile, animale e anche vegetale. Artemide è la dea della caccia e della natura ed è molto vicina agli animali sia curandoli che cacciandoli. Il Domenichino, “Caccia di Diana” 1617, Roma, Galleria Borghese Protegge i parti, ma manda anche le doglie e i pericoli mortali del parto. Il suo regno è la selva ed è la signora della natura selvaggia (soprattutto di orsi e di animali mostruosi) cioè appartiene a una sfera del tutto opposta a quella dell'esistenza quotidiana degli uomini.
Per la molteplicità dei suoi attributi divenne la dea più popolare della Grecia e fu adorata in tutte le parti del mondo ellenico. Come la natura, che qualche volta è crudele, così è anche Artemide. Ama le sue compagne, le Ninfe, come sorelle e con le quali danza sui prati in fiore, ma le scaccia se si lasciano prendere dall'amore. Essa è rappresentata in abito da cacciatrice con faretra e arco, ha il capo ornato con un falcetto di luna che simboleggia la meditazione, ha delle sembianze attraenti ma è il simbolo della castità e della verginità in quanto conserva la purezza e spesso è accompagnato da un levriero o da un cervo. Metamorfosi di Ovidio, "Diana e Atteone"(Libro III, vv.138-253) E mentre Diana si bagnava lì alla solita fonte, ecco il nipote di Cadmio,prima di riprendere la caccia, vagando a caso per il bosco che non conoscevagiunse in quel recesso sacro: lì lo conduceva il Fato. Appena egli entrònella grotta stillante dalla sorgente, le ninfe, nude come erano, alla vistadel maschio si percossero i petti e riempirono di urla improvvise tutto ilbosco e corsero a disporsi attorno a Diana per coprirla con i loro corpi;tuttavia la dea più alta di loro le sovrastava tutte dal collo in su. Il mito di Atteone sbranato dai cani Figlio di Aristeo e di Autonoe (quest'ultima figlia di Cadmo), Atteone, secondo la tradizione mitologica, educato dal centauro Chirone, diviene un abile cacciatore. Mentre insegue un cervo con un arco e dei cani da caccia entra in un bosco ma non si accorge che è il recinto santo di Artemide, dove lei risiede e ha la supremazia su tutto. Seguendo il cervo arriva fino alla fonte Parteia dove di solito Artemide fa il bagno. François Boucher, “Diana al Bagno” 1742, Parigi, Museo del Louvre Quando Atteone si accorge della presenza di Artemide non scappa ma rimane a guardarla cercando di nascondersi dalla sua vista. Vuol vedere senza essere visto come fanno solitamente i cacciatori. Ma lei e le altre Ninfe si accorgono di essere osservate e le Ninfe cercano di coprire Artemide con i propri corpi ma lei, più alta di loro, le sovrasta e si sente violata nella sua intimità così gli da una terribile punizione. Secondo