Il Friuli Venezia Giulia e le regioni a statuto speciale

Appunto inviato da giovach
/5

Ricerca completa sul Friuli Venezia Giulia (8 pagine formato doc)

LE REGIONI ASTSTUTO SPECIALE LE REGIONI A STATUTO SPECIALE Le regioni a statuto speciale sono 5 e sono state istituite immediatamente dopo la II guerra mondiale.
L'art.116 della Costituzione attribuisce forme e condizioni particolari a 5 regioni: Valle d'Aosta, Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna. Si tratta di regioni dove il sentimento e le tradizioni autonomiste erano molto forti e sentiti e si imposero immediatamente nel II dopo-guerra anche per situazioni politiche particolari. Queste regioni ricevono sostentamenti dallo stato per la conservazione delle minoranze etniche, per esempio in Valle d'Aosta, Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia, o per risolvere difficili situazioni di degrado o per problematiche fisiche come per Sicilia e Sardegna. Il Trentino Alto-Adige fa eccezione per la particolare situazione che ha provocato in Italia con atti terroristici fino al conseguimento dello scopo di diventare regione autonoma.
La Valle d'Aosta, il Trentino Alto-Adige e il Friuli Venezia ebbero anche il riconoscimento delle proprie lingue locali o della coesistenza di più lingue come il Francese e il Tedesco che sono regolarmente riconosciute e insegnate nelle scuole. La loro storia le differenzia dalle altre regioni anche per la posizione di confine che ha influenzato la loro cultura. IL FRIULI VENEZIA GIULIA Divisione Amministrativa Abitanti capoluogo Superficie provincia Km2 Abitanti provincia Densità popolazione Trieste 222.589 212 253.680 1.197 Pordenone 48.762 2.273 276.183 121 Gorizia 37.718 466 137.918 296 Udine 95.374 4.893 519.458 106 Friuli Venezia Giulia 7.844 1.187.239 151 Italia 301.308 57.380.894 190 Territorio: La non elevata densità della regione è anche la conseguenza di una morfologia in linea di massima poco favorevole agli insediamenti e allo sfruttamento economico, soprattutto in passato, quando l'attività produttiva si basava sull'agricoltura. Oltre il 42% della superficie territoriale, che corrisponde all'intera sezione settentrionale della regione, è occupato da montagne; il resto è formato da colline e da una pianura (35% del territorio) orlata a sud dal mar Adriatico (golfo di Trieste) e a ovest dall'altopiano del Carso (per la massima parte incluso nella Slovenia). La sezione montuosa della regione, orogeneticamente giovane e non ancora assestata (si ricordano nei secoli gravi e devastanti terremoti, tra cui l'ultimo nel 1976), comprende le Alpi Carniche e una parte delle Alpi Giulie. Qui il sistema alpino si presenta come una lunga serie di cime e creste in prevalenza calcaree, che toccano i 2700 m (tra cui il monte Coglians, 2780 m, nelle Alpi Carniche, e il Jôf di Montasio, 2754 m, nelle Alpi Giulie). Dalle Alpi Carniche prende il nome una vasta e pittoresca regione montana, delimitata a sud dal Tagliamento, la Carnia, i cui centri principali sono Ampezzo e Tolmezzo. Alcuni valichi, relativamente agevoli e poco elevati, consentono i collegamenti al di là del confine: il passo di monte Cro