Scheda del libro "Il gran sole di Hiroscima"

Appunto inviato da dia91
/5

Scheda del libro: autore, recensione, a chi lo consiglieresti, la frase che mi ha colpito di più e perchè, giudizio sull'opera. (2 pagine formato doc)

SCHEDA DEL LIBRO IL GRAN SOLE DI HIROSCIMA AUTORE : Karl Bruckner RECENSIONE : 6 Agosto 1945: nel cielo di Hiroscima compare un bagliore accecante, intenso come un nuovo sole.E' la prima bomba atomica, la cui potenza distruttrice continuerà a sconvolgere le vite di chi è miracolosamente scampato al disastro.
I protagonisti di questa storia sono due bambini, Scigheo e la sua sorellina Sadako. Questo libro racconta la vita di civili (donne, anziani, bambini) e soldati, durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale. Sadako,alla esplosione della bomba atomica, riesce miracolosamente a sopravvivere, ma subisce gli irreparabili danni di quelle maledette radiazioni e le loro conseguenze la porteranno ad una morte prematura. La famiglia di Sadako sarà più fortunata della piccola.
A Hiroscima si erge un monumento dedicato a Sadako. A CHI LO CONSIGLIERESTI ?: Lo consiglierei a chi considera la guerra una soluzione ai conflitti internazionali, ai generali della storia che hanno mandato soldati al macello per loro, che hanno conquistato novi territori senza curarsi di quei popoli, che hanno ucciso senza prendersene la responsabilità. Inoltre, lo proporrei ai ragazzi per stimolarli ad uno spirito critico obiettivo e meno superficiale. LA FRASE CHE MI HA COLPITO DI PIU': ”In un milionesimo di secondo, un nuovo sole si accese nel cielo, in un bagliore bianco, abbagliante. In questo secondo, l'uomo che Dio aveva creato a propria immagine e somiglianza, aveva compiuto, con l'aiuto della Scienza, il primo tentativo di annientare se stesso. Il tentativo era riuscito”. PERCHE'? : In quanto riassume in poche righe la drammaticità di questo evento. Dimostra quanto l'uomo con la sua “scienza esatta persuasa allo sterminio” è crudele e può creare dolore senza curarsene chiudendo gli occhi e sganciando le bombe. GIUDIZIO SULL'OPERA : Ritengo che questo libro sia un eccezionale perché affronta temi sempre attuali ed attraverso i suoi personaggi ci fa rivivere quei momenti drammatici di estrema sofferenza talmente profonda da non creare urla ma solo un silenzioso pianto straziante degli uomini rimasti non più tali.