Le generazioni dei computer: tesina

Appunto inviato da ramingodiplutone
/5

Tesina sulle generazioni dei computer: dalla prima alla quinta generazione e la nascita ed evoluzione del pc (10 pagine formato doc)

GENERAZIONI DEI COMPUTER: TESINA

Le generazioni dei computer.

Nel 1946 si costruì il primo elaboratore tutto elettronico e con esso inizio' l'era dei moderni computer, era che si può suddividere in generazioni:
1° generazione: costruzione di Eniac, una macchina di 180 metri quadrati, formata da 18.000 valvole e dal peso di 30 tonnellate.
2° generazione: i transistor sostituiscono le valvole rendendo i computer più veloci e più ridotti nelle dimensioni.
3° generazione: con gli anni '70 i transistor vengono sostituiti dai circuiti integrati al silicio, un materiale altamente conduttore, che aumenta la velocità di calcolo, ma che occupa ancora minore spazio.

4° generazione: i primo chip (microprocessore) viene prodotto da Intel corp. nel 1971. Il piccolo chip è figlio di una tecnologia avanzata nata nella Silicon Valley, una zona arida della California, simbolo della moderna tecnologia informatica. Dal 1975 il mercato offre i primi computer accessibili a tutti (home computer).
5° generazione: il computer si evolve, fino a diventare uno strumento di lavoro quotidiano (personal computer, PC), e a diventare così ridotto da occupare lo spazio di un telefono cellulare o di un palmare, o fino ad essere integrato nella gestione di un'abitazione. Cresce, intanto, la velocità e la qualità dell'elaborazione, assieme a nuove forme di memorizzazione o di unità di calcolo.

Il Personal Computer: tesina


LA NASCITA DEL PC

Storia del computer: dall’antichità al 1964. Il computer è il risultato di una evoluzione che inizia molti secoli fa. Intorno al 3.000 a.C. comparve il primo strumento di calcolo: l'abaco.
Il matematico Pascal (1623-1662) introdusse l'uso della numerazione binaria costituita dalle sole due cifre 0 e 1. Questo permise uno sviluppo notevole nel mondo del calcolo strumentale: un dispositivo meccanico può esprimere i valori indicandoli con due cifre mentre è più difficile codificare i 10 simboli necessari per la numerazione decimale.

Il computer: tesina


EVOLUZIONE DEI PROCESSORI

Nel 1822 il matematico inglese Charles Babbage progettò il primo vero calcolatore, funzionante in modo automatico. Nel 1890 il governo degli Stati Uniti utilizzò per il censimento nazionale una rappresentazione dei dati attraverso schede perforate, create, lette e analizzate da una macchina automatica. Il relé elettomagnetico, un dispositivo elettrico in grado di assumere i due stati del sistema binario, era il cuore della macchina, ormai definita computer (calcolatore).
L'utilizzo governativo e militare diede ancora un notevole impulso allo sviluppo dei calcolatori: la marina americana finanziò la costruzione di un gigantesco elaboratore a relè e nel 1940 nasceva Mark1, composto da 3.000 relè, 800 Km di fili elettrici e dal peso di 35 tonnellate. Nel 1946 si realizzò il primo vero computer: l’Eniac