i virus informatici

Appunto inviato da 12345678gianni
/5

Presentazione in power point riguardante i virus informatici: come si creano, come si diffondono, quali danni causano (7 pagine formato pps)

I virus

I virus informatici - Che cosa è un virus - Chi crea un virus - Come possiamo prevenirli - Come si produce un virus - Che danni creano i virus - Navigare che pericolo

Che cosa è un "virus informatico"?

Un virus informatico è un programma, cioè una serie di istruzioni scritte da un programmatore ed eseguibili da un computer, che ha le seguenti caratteristiche:
è stato scritto per "inglobarsi" e cioè confondersi alle istruzioni di altri programmi modificandoli;
chi l'ha scritto ha previsto la possibilità che il virus sia in grado di replicarsi, ovvero di copiare le istruzioni che lo compongono in altri programmi;
dopo un tempo prestabilito, necessario per effettuare la "replicazione", il virus comincia a compiere l'azione per cui è stato scritto, che può consistere, per esempio, nel distruggere dati e/o programmi presenti su di un supporto magnetico o, semplicemente, nel far comparire a video un messaggio.

Il primo virus fu sviluppato nel novembre del 1983, con fini dimostrativi, nell'ambito di una ricerca finanziata da una delle principali società costruttrici di computer ed inserita in un più generale progetto di studio della sicurezza dei sistemi informativi.
L'obiettivo della ricerca era di dimostrare come le possibilità di un attacco al patrimonio informativo di un'azienda non fossero limitate a quelle tradizionalmente prese in esame negli studi sulla sicurezza fino ad allora svolti; tali studi avevano incentrato la loro attenzione sull'attacco fisico (p.es. atti terroristici), sulla conoscenza illegittima di password e su modifiche ai programmi effettuate da personale interno alle aziende.
L'esperimento, che riuscì perfettamente, dimostrò che predisponendo opportunamente il programma aggressore era possibile attaccare qualsiasi sistema: il virus sperimentale, sviluppato in sole otto ore da un esperto, impiegava meno di mezzo secondo per replicarsi "copiandosi" in un altro programma, che diventava, a sua volta, "portatore" del virus.
Il primo virus sviluppato in Italia, che ebbe una notevole diffusione in tutto il mondo, fu il cosiddetto virus della pallina - denominato «ping-pong» - che si limitava a far comparire sul video del computer una "faccina sorridente" che si spostava su tutto lo schermo; è quasi certo che tale virus sia stato realizzato per fini di ricerca, nel 1987, da alcuni studenti del

Da ciò si deduce che:
i virus non sono capaci di un comportamento autonomo: tutto ciò che sono in grado di fare è stato puntualmente previsto - come per qualsiasi programma di computer - dai programmatori che li hanno ideati e scritti;
i virus sono facilmente identificabili ed eliminabili da programmi - detti anche "antivirus" - scritti appositamente; questi ricercano negli altri programmi presenti sul computer la sequenza di istruzioni che caratterizza il virus; ciò è però possibile solo se i virus sono noti, e cioè se è nota, almeno in parte, la sequenza di istruzioni con cui sono stati scritti: tale sequenza è diversa per ogni virus;
i virus, come tutti i programmi, non possono funzionare, e quindi portare a termine il compito loro assegnato, se non nel sistema per cui sono stati scritti; quindi un virus scritto per computer che usano il sistema operativo MS/DOS, non potrà "funzionare" su computer Macintosh che usano un diverso sistema operativo, e vice versa;