Storia di internet: tesina di maturità

Appunto inviato da fotomy
/5

La storia di internet, dalla sua nascita al suo successo: tesina di maturità per l'Istituto Tecnico Programmatore. Collegamenti con i seguenti argomenti: Guerra fredda, storia di internet e pagine web statiche e dinamiche, pianificazione strategica e budget d'esercizio, problema delle scorte, globalizzazione, Pier Paolo Pasolini e pallavolo (34 pagine formato docx)

STORIA DI INTERNET: TESINA DI MATURITA'

Internet, la rivoluzione globale: amico o nemico? Introduzione.

Negli ultimi vent'anni, abbiamo assistito a una vera e propria rivoluzione economico-sociale, che in un modo o nell'altro ha condizionato la vita e l'attività di ognuno di noi. Con l'introduzione dei Personal Computer, e in particolare della rete Internet, le comunicazioni sono improvvisamente diventate di una semplicità mai vista prima. Questo processo ha portato notevoli miglioramenti, come l'abbattimento dei tempi, la velocità, la versatilità delle trasmissioni dei dati e la facilità nella diffusione d’informazioni.
Il web, vent'anni fa era solo un progetto.
Adesso è radicato nella nostra realtà, nella vita di tutti i giorni e noi lo viviamo a pieno sfruttandone ogni potenziale. Tutto, la nostra comunicazione, il nostro lavoro, tutto si basa sul web. Sono passati solo vent'anni eppure le cose sono cambiate così profondamente!
Oggi sono online quasi 2.000.000.000 di persone. Il web ha creato una ricchezza inimmaginabile. Gli attribuiscono la colpa di aver creato una generazione di “web dipendenti” ma anche il merito di avere aperto nuovi territori della conoscenza.

Tesina sulla nascita e sviluppo di internet

TESINA INTERNET MATURITA'

Il web è la rivoluzione tecnologica della nostra vita.
Ma per quale motivo è nato Internet?
Com’è nato il World Wide Web? E come ci ha influenzato il web nei vent'anni dalla sua creazione?    
Per capire come siamo arrivati così lontani, bisogna andare indietro quando tutto ebbe inizio...
Storia: La guerra fredda
Era il 2 settembre 1945 quando, con la resa del Giappone, la seconda guerra mondiale finì.    
Emersero come veri, grandi vincitori del conflitto le due cosiddette superpotenze, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Di fronte a loro c'era un'Europa distrutta e indebolita, sbalzata in un ruolo che appariva ormai secondario. Dal 1945-48 fino al crollo dell’Urss, nel 1991, il mondo visse una sorta di “lungo dopoguerra”, basato sul bipolarismo ma anche sull’equilibrio, fra le due superpotenze. Un equilibrio rafforzato proprio dalla catastrofica eventualità di un conflitto nucleare.

Breve storia di internet: riassunto

TESINA INTERNET COLLEGAMENTI

La Conferenza di Yalta, in Crimea (febbraio 1945) vede Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Sovietica, quindi Roosevelt, Churchill e Stalin, gettare le basi per il nuovo equilibrio politico e territoriale dell'Europa.
Fu stabilito che l'Europa occidentale sarebbe stata assegnata agli anglo-americani e l'Europa orientale all'influenza sovietica. Questo provocò la divisione del mondo in due blocchi contrapposti, i quali però, secondo l'allora Presidente americano Roosevelt, non avrebbero dovuto smettere di collaborare.
Così invece successe: L'Unione Sovietica e gli Stati Uniti si trovarono d’accordo soltanto quando si trattò di ridurre l'Europa a un continente sottomesso e d'appoggio.
Il 1945 segna la fine della Seconda Guerra Mondiale, ma definisce l'inizio di un'altra guerra, la cosiddetta "guerra fredda". Con questa espressione il giornalista Walter Lippman volle indicare lo stato di tensione esistente tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Una condizione di non guerra non pace. Una tensione, durata per circa mezzo secolo, che pur non concretizzandosi mai in un conflitto militare diretto (la disponibilità delle armi nucleari per entrambe le parti avrebbe irreparabilmente distrutto l'intero pianeta), si sviluppò nel corso degli anni in diversi campi: militare, spaziale, ideologico, psicologico, tecnologico e sportivo. Le due superpotenze si combatterono con le armi della diplomazia, della propaganda ideologica e dell'esibizione militare.