I diversi volti della maschera: tesina di maturità

Appunto inviato da frahahahah
/5

Percorso tematico sui diversi volti della maschera: tesina di maturità (8 pagine formato doc)

I DIVERSI VOLTI DELLA MASCHERA: TESINA DI MATURITA'

Perché ho scelto questo tema? Nel mio percorso tematico ho scelto di approfondire il tema della “maschera” perché penso che sia un elemento inscindibile dall’esperienza umana: siamo tutti costantemente frammentati in mille maschere che nascondono il nostro “vero sé” che noi non consideriamo degno di essere mostrato agli altri tanto da preferire una sorta di –abito di circostanza- che può fare e dire ciò che al volto è proibito.
Altre volte non siamo noi a nasconderci “dietro una maschera” ma sono gli altri a modellarci addosso identità a noi estranee poiché la concezione che questi hanno di noi non coincide con il nostro vero essere.

In ogni modo l’uomo è un essere che vaga tra la maschere di se stesso alla ricerca di un’immagine migliore di se, alla ricerca di qualcosa che innalza barriere dentro di se.

Apparenza e realtà: tesina multidisciplinare

TESINA SULLA MASCHERA.
REALTA' E APPARENZA

La mia scelta è stata quindi determinata da un’esperienza che io sento di vivere quotidianamente in quanto indossare una maschera è la cosa più normale del mondo, nonostante spesso non ce ne accorgiamo. Non siamo mai la stessa persona e ogni persona che ci è accanto vive una diversa sfaccettatura della nostra personalità. Interpretiamo moltissimi ruoli diversi, pur senza fingere, perché ognuno di noi è fatto di tante persona: io ora sono una studentessa, quando tornerò a casa sarò figlia e sarò sorella, quando uscirò con gli amici sarò amica, e sarò molto altro: alla fine della giornata, quando sarò sola con me stessa, io sarò tutte quelle maschere insieme e in quella poliedricità la mia personalità si annullerà. Insomma noi siamo come dice Pirandello, uno, nessuno e centomila” maschere pronte per essere usate, quando invece di nasconderci dovremmo lottare per conquistare o meglio riconquistare il nostro “flusso continuo” e cioè quello che scorre dietro la maschera.

Apparenza e realtà: tesina di maturità

TEMA DELLA MASCHERA PIRANDELLO

Pirandello e la sua “poetica delle maschere”. La maschera progressivamente scomparve dalle scene dei teatri e divenne metafora di un atteggiamento non autentico che l’uomo assume in determinate circostanze, spesso sotto la pressione delle convenzioni sociali.
Il concetto di maschera come “travestimento del reale” nell’uomo caratterizza la visione pirandelliana: secondo Pirandello, scrittore, narratore e drammaturgo vissuto a cavallo tra l’800 e il 900, tutta la realtà è vita, è un flusso che scorre senza avere una forma, è un perpetuo movimento vitale. Tutto ciò che si stacca da questo flusso e assume forma distinta, si rapprende, si irrigidisce e inizia, secondo Pirandello, a morire.
L’uomo allo stesso modo si stacca dall’universale assumendo forma individuale, costringendosi entro una maschera con la quale si presenta a se stesso e agli altri. La forma blocca la spinta anarchica delle pulsioni vitali, paralizza la vita: questa invece continua a fermentare sotto la forma in cui noi ci rissiamo ma riesce ad emergere nolo nel momenti di malattia, di notte o negli intervalli in cui noi non siamo coinvolti nel meccanismo dell’esistenza. Secondo Pirandello è vero il mare, è vera la montagna, è vero un sasso e anche un filo d’erba ma non l’uomo sempre mascherato senza volerlo e senza saperlo in quanto si figura come bello, buono, generoso, grazioso ecc, e questo fa molto ridere a pensarci.
Non esiste però solo la forma e quindi la maschera che l’io da a se stesso ma nella società ogni io da delle forme a tutti gli altri: le istituzioni sociali impongono all’uomo dei ruoli modellando sul suo volto delle maschere che non gli appartengono e che limitano fortemente la sua spontaneità e la sua autenticità.
Il soggetto è costretto a vivere nella forma ma si riduce ad una maschera fittizia che si limita a recitare la parte che la società esige da lui e che egli stesso si impone in base ai suoi ideali morali: non sono più possibili eroi o persone ma solo maschere e personaggi.