Il tempo e le sue interpretazioni: tesina maturità

Appunto inviato da molly0592
/5

Excursus sulle varie interpretazionI che scienziati e filosofi del Novecento hanno dato al tempo. Tesina di maturità sul tempo e le sue interpretazioni (16 pagine formato pdf)

IL TEMPO E LE SUE INTERPRETAZIONI: TESINA MATURITA'

Il tempo e le sue interpretazioni nel novecento.
Mappa Concettuale
L’idea di tempo nella storia
Introduzione
Fisica: la relatività
Prima della relatività ristretta e l’etere
I postulati di Einstein
Le trasformazioni di Lorentz
Contrazione delle lunghezze e Dilatazione dei tempi
Filosofia: Bergson
Il tempo della scienza
Il tempo della vita
La durata
Italiano: Il tempo della coscienza
La coscienza di Zeno
Arte: Salvator Dalì
La percezione della memoria
L’idea di tempo nella storia

Cos'è il tempo: tema svolto

COS'E' IL TEMPO

Che cos’ è il “tempo”? Fin dai tempi antichi arrivando ai giorni nostri, filosofi e scienziati come Zenone, Aristotele, Sant’Agostino, Kant e Newton hanno cercato di rispondere a questa domanda: mai nessuno è riuscito a dare una definizione plausibile.

Il motivo va ricercato nella percezione di questa grandezza che varia da individuo ad individuo, essendo di natura soggettiva: il tutto può apparire non coerente nel giudizio di uno stesso soggetto.
Zenone, ad esempio, cercò di spiegare che cosa fosse il tempo attraverso il paradosso di “Achille e la tartaruga”: se Achille venisse sfidato da una tartaruga nella corsa concedendole un piede di vantaggio, non riuscirebbe mai a raggiungerla, perché dovrebbe pervenire alla posizione occupata precedentemente dalla tartaruga, che nel frattempo si sarà spostata di un intervallo di spazio, seppure piccolissimo; in questo modo, la distanza tra Achille e la tartaruga non si ridurrà mai a zero per quanto sempre più piccola.

Tesina maturità sul tempo

CONCETTO DI TEMPO IN FILOSOFIA

Zenone desiderava confermare la tesi del suo maestro Parmenide, secondo cui il mutamento e lo spostamento erano solo illusioni degli esseri umani.
Nel quarto secolo a.c.

Aristotele nel trattato “Fisica” affermava che il tempo può essere definito solo in relazione al concetto di divenire, osservando che il tempo non è il mutamento delle cose, bensì la misura del loro divenire «secondo il prima e il dopo». Siccome ogni misura sottintende una mente misurante, cioè una mente capace di tener conto dell’ordine di successione delle cose, il tempo presuppone l’esistenza dell’anima.

Tesina sullo spazio e il tempo per la maturità

TESINA TEMPO DEL SOGGETTO

Tutto questo portò alcuni studiosi ad interpretare la visione del tempo anticipando le teorie soggettivistiche, le dottrine che riducono il tempo ad un fatto puramente mentale. Aristotele chiarisce che il tempo, pur formandosi nella mente umana, trova la sua condizione oggettiva fuori dall’anima.
Il concetto di “tempo ciclico” si ritrova nello stoicismo, dove l’idea di un ritorno di tempi identici in eterna circolarità, evidenzia come la nozione di tempo non sia astratta ma percepita nelle cose stesse.
Sant’Agostino propone un’ulteriore visione del tempo come storia umana che cammina verso un compimento, una storia di salvezza. Nel libro XI delle “Confessioni” afferma: «Tempora sunt tria, praeteritum, praesens et futurum, sed fortasse proprie diceretur: tempora sunt tria, praesens de praeteritis, praesens de praesentibus, praesens de futuris. Sunt enim haec in anima tria quaedam et alibi ea non video, praesens de praeteritis memoria, praesens de praesentibus contuitus, praesens de futuris exspectatio.» («Tre sono i tempi, il passato, il presente e il futuro, ma forse sarebbe meglio dire: tre sono i tempi, il presente del passato, il presente del presente, il presente del futuro.