Tesina maturità sulla Sicilia: microcosmo del mondo

Appunto inviato da rosimegna95
/5

Tesina di maturità per Istituto Tecnico del Turismo sul ruolo e la centralità della Sicilia nelle diverse civiltà mediterranee (14 pagine formato doc)

TESINA MATURITA' SULLA SICILIA

Istituto Tecnico per il Turismo.

La Sicilia: microcosmo del mondo. Introduzione. Un riferimento al titolo può essere il ruolo e  la centralità della Sicilia nelle diverse civiltà mediterranee. La storia della Sicilia antica, dalle origini alla conquista romana, è una storia plurietnica. Numerosi popoli, infatti, si sono succeduti: Siculi, Sicani,  Fenici, Greci, Romani, Arabi, Normanni, Spagnoli e proprio da  questi popoli abbiamo ereditato la loro cultura e i più bei monumenti del mondo. Sono siciliani anche molti autori che hanno fatto grande la letteratura italiana: Verga, Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Sciascia, Vittorini.
Tutti hanno preso e dato in  quest'isola. Tutti hanno ceduto all'incanto della sua anima; una terra di contrasti, di promesse e di silenzi, di santi e di criminali, di eroi e di vigliacchi. La Sicilia: un miscuglio genetico di meraviglia, sole e canti di sirene. 

Arabi in Sicilia: tesina


TESINA MATURITA' SULLA SICILIA, COLLEGAMENTI

La Belle Époque. Intorno al 1895, l'economia mondiale entrò in una fase di straordinaria espansione , che si sarebbe conclusa nel 1914. I contemporanei definirono questo periodo con il termine " belle époque", termine che nacque in Francia. Il nuovo assetto globale , risultò molto diverso rispetto agli anni precedenti : infatti , mentre il sistema economico dell'Ottocento era centrato su una supremazia inglese assoluta , quello della belle époque non possedeva più un unico centro. L'Inghilterra , continuò ad essere la principale protagonista del commercio internazionale, ma, sul piano della rivoluzione industriale, in numerosi settori essa venne raggiunta e addirittura superata sia dagli Stati Uniti sia dalla Germania.

Tesina sulla Sicilia


TESINA SULLA SICILIA, LICEO LINGUISTICO

La Belle Époque si colloca come un periodo di pace e relativa prosperità, è il periodo dei grandi imprenditori che creano lavoro e benessere; una famiglia imprenditoriale famosa è quella dei Florio, che dominò la scena economica di questo periodo con successi imprenditoriali e una vita mondana fatta di lusso, di feste e di corse automobilistiche. Famiglia di origine calabrese, i Florio, erano giunti in Sicilia dopo il terremoto del 1783. Capostipite della famiglia fu Vincenzo Florio, senatore che in Sicilia aveva intrapreso molte attività imprenditoriali come la produzione dei vini “Marsala” e creato grosse compagnie di navigazione (aveva a sua disposizione una flotta di 99 navi). Aveva anche molti interessi nel settore degli zolfi con la «Anglo-Sicilian Sulphur Company». Il senatore Ignazio Florio Senior acquistò le isole di Favignana nel 1874. Su quest'isola organizzò una grande tonnara con stabilimento conserviero (Tonnara di Favignana), sperimentando un nuovo metodo di produzione. Infatti, anziché produrre tonno sotto sale come consuetudine del tempo, si approntò per la prima volta la conservazione del tonno sott'olio e il relativo inscatolamento nelle latte. L'azienda fu in grado di dar lavoro a un gran numero di operai e di far affermare i suoi prodotti nel mondo.

Musica araba: riassunto e caratteristiche


TESINA MATURITA'

Vincenzo Florio junior fu l'ideatore e l'organizzatore della famosa corsa automobilistica «Targa Florio». I Florio furono, in quell'epoca, tra le famiglie più ricche d'Italia, ma il loro impero economico fu destinato a finire a causa di speculazioni errate, come, per esempio, la partecipazione azionaria al Credito Mobiliare ormai sull’orlo del fallimento e dal fatto che l’ultimo erede della famiglia Florio era impegnato più a fare la bella vita che a pensare alla gestione imprenditoriale della sua famiglia. Gli ultimi anni della Belle Époque  sono il periodo in cui, lasciate alle spalle le difficoltà economiche degli anni precedenti, si ha l’impressione di vivere una fase di forte espansione economica in un mondo ricco che spinge ad ostentare “l’apparire” della classe economicamente ricca che non tiene conto delle difficoltà incontrate della povera gente che non avendo di che vivere spera di fare fortuna oltre oceano.