Tesina sulla storia della scrittura: nascita ed evoluzione

Appunto inviato da leoneverdenero
/5

Tesina sulla storia della scrittura: la sua nascita e la sua evoluzione dalla preistoria a oggi (3 pagine formato doc)

TESINA SULLA STORIA DELLA SCRITTURA: NASCITA ED EVOLUZIONE

La storia della scrittura: dalla preistoria ad oggi.

La scrittura è nata attorno al 3300 a.C. Le scritture sono molte e differenti; infatti, nell’antichità, si scriveva su pietra, pelle di animale, pergamena, papiro e infine carta.
I segni grafici, relativamente alla forma, si distinguono in figure naturalistiche e segni astratti, praticamente privi di significato.  
Suddivisione dei segni grafici  
In base ai criteri in relazione al modo di rappresentare il concetto, i segni grafici si suddividono in:
1.    - pittogrammi: ossia, raffigurazioni naturalistiche di uomini, animali o cose, sia isolati che raggruppati, oppure impegnati in azioni diverse.
I pittogrammi rappresentano la realtà, indicando, per lo più, lo stesso oggetto rappresentato: ad esempio, i graffiti sulle rocce.
2.    - ideogrammi: segni grafici che riproducono l'idea, ossia ancora figure naturalistiche usate a rappresentare non solo il soggetto stesso raffigurato, ma anche la parola che lo designa: ad esempio i geroglifici egizi, i segni cuneiformi assiro-babilonesi.  

Tema sull'origine della scrittura


EVOLUZIONE DELLA SCRITTURA

Un'altra classificazione delle scritture particolari tiene conto della forma estetica, condizionata dalla tecnica con cui furono tracciate inizialmente, e precisamente:
- scritture e segni grafici lapidari, disegnati la prima volta per essere incisi sulla piastra con lo scalpello: scrittura geroglifica egizia, lapidario romano;
- scritture manuali e segni grafici manoscritti, tracciate con un mezzo scrittorio foggiato allo scopo: stilo, penna, calamo, ecc.
Il tipo di scrittura è determinato, oltreché dallo strumento scrittorio, anche dal supporto, il quale può essere: rigido (pietra, legno, terracotta, argilla, ecc.) o morbido (papiro, pergamena, carta, ecc.).
Tutta la vita dell'uomo può dirsi essere stata un continuo progresso; il primo momento di questo coincide con la sua comparsa sulla terra circa 600.000 anni fa o, secondo calcoli più recenti, a 300.000.  
Secondo i reperti archeologici preistorici, da circa 250.000 anni fa l'uomo cominciò a valersi della natura per dominarla; si fabbricò con il legno, l'osso, la pietra degli utensili: l'ascia e il raschiatoio, poi la punta per forare, il coltello, ecc. perfezionandoli lentamente attraverso la lunghissima evoluzione.

La nascita della scrittura: riassunto


SCRITTURA PITTOGRAFICA

Oltre alla fabbricazione degli utensili, all'uso del fuoco per riscaldare, illuminare e cuocere il cibo, verso il 50.000 a.C. l'uomo cominciò anche a credere in qualcosa di soprannaturale; cominciò quindi a fissare il ricorso di certi avvenimenti nei graffiti rupestri dell'Africa settentrionale con scene di caccia e di danza.
 3. Le scritture particolari
Scrittura egiziana
In Egitto fu adottata come scrittura, verso il 3.500 a.C., una serie di  geroglifici i quali furono impiegati anche come ideogrammi. I segni di questa scrittura possono suddividersi in sei gruppi.  
La scrittura egiziana successivamente si sviluppò in tre tipi: geroglifica, ieratica, demotica:
1.    - geroglifica: scrittura originaria scolpita su pietra, in seguito usata anche su papiro per testi religiosi. I geroglifici sono disegnati molto chiaramente e sono disposti in colonna dall'alto in basso o in linee. Sia le colonne che le linee corrono da destra verso sinistra o viceversa; essi guardano contrariamente a quanto succede nella nostra scrittura;
2.    - ieratica: è la forma corsiva della scrittura geroglifica, usata contemporaneamente ad essa, ma esclusivamente sul papiro. Fino al Nuovo Regno, i segni particolari sono disposti in colonna e dall'alto in basso; più tardi vennero disposti in linee. Sia le colonne che le linee, vanno da destra verso sinistra;
3.    - demotica: è un particolare corsivo che venne usato nella Bassa Epoca, senza soppiantare del tutto la scrittura ieratica. I segni sono disposti in linee da destra verso sinistra.