I vari modi del viaggio: tesina di maturità

Appunto inviato da acquarietta91
/5

Tesina di maturità con immagini sul tema del viaggio: la storia del viaggio dalle origini ai giorni nostri, Il paesaggio nordico di Alfieri, L'isola del tesoro di Stevenson, Cuore di tenebra di Conrad, lo Zambesi, Libro Cuore di De Amicis, l'emigrazione italiana (12 pagine formato doc)

IL VIAGGIO: TESINA MATURITA': INTRODUZIONE

Il viaggio dalle origini ai giorni nostri.

Viaggiare è spesso andare incontro a nuove avventure e situazioni e può avere diversi scopi. In generale il viaggio si può intendere come liberazione dalla vita quotidiana,  o come una grande esplorazione o anche come percorso religioso e interiore. I temi del viaggio si possono sintetizzare nei seguenti: scoperta e confronto di se stessi con gli altri; fuga da se stessi e da quello che ci circonda; o ritorno, specialmente alla terra nativa.
Nella letteratura si parla del viaggio fin dall’antichità, partendo dall’Odissea di Omero.  La vicenda è basata sia sulla prova e sofferenza del protagonista sia come fonte di conoscenza il cui scopo è il ritorno a casa. Il viaggio si riaffaccia anche nel medioevo in cui il cavaliere affronta l’avventura per dimostrare quanto vale.

Il viaggio: tesina maturità


TESINA SUL VIAGGIO COME METAFORA DELLA VITA

Diversa è l’avventura di Marco Polo in cui è tutto ben progettato e il viaggiatore annota qualsiasi cosa.


Quello di Dante, invece, è il percorso dell’anima verso il Creatore e l’Aldilà in cui vengono descritte man mano le varie caratteristiche.
Il viaggio più diffuso nel medioevo è il pellegrinaggio. Questo viaggio ha anche contribuito alla nascita di alcune città sorte come luoghi di sosta.
Tra il XV e XIV secolo le scoperte geografiche danno il via ai viaggi mercantili e missionari. In Inghilterra verso la fine del ‘600 nasce il Grand Tour: un viaggio per approfondire la propria educazione culturale e linguistica. Sempre nel corso del ‘700 si diffonde l’usanza, per chi non può viaggiare, di leggere i libri dei viaggiatori.
Nel Romanticismo il viaggio diventa più che altro un cammino interiore e una pausa dalla sofferenza. Nell’800 si diffonde il viaggio come esplorazione che spesso veniva finanziata dallo Stato. Due spedizioni importanti sono quelle di John Franklin e quella di David Livingstone.
L’uomo contemporaneo ha esplorato ormai tutta la Terra e la sta anche eccessivamente sfruttando. Oggi si viaggia anche per il semplice motivo di spostarsi, essere in movimento.

Tesina di maturità sul viaggio


TESINA IL VIAGGIO COME RICERCA DI SE STESSI

Il viaggio come esperienza culturale. Dalla "vita" di Vittorio Alfieri
Il Paesaggio Nordico. Esercizi di comprensione del testo.
1) Il paesaggio si presenta agli occhi di Vittorio Alfieri ricoperto di neve con tutti i laghi ghiacciati a causa del forte freddo.  Alfieri osserva anche selve, laghi e d irupi. Dopo pochi giorni compare la prima vegetazione.
2) Alfieri è indotto a scrivere versi alla vista di un paesaggio senza ghiaccio.
3) Il Golfo di Botnia, a metà di maggio, si presenta in gran parte gelato.
4)  Vittorio Alfieri viaggia solo per il bisogno di spostarsi ed essere sempre in movimento.  La sua indole è infatti agitata e tormentata e solo in situazioni non comuni trova momenti di soddisfazione.
5)  Vittorio Alfieri si riscontra nel viaggiatore settecentesco in quanto viaggia attraverso l’Italia e l’Europa descrivendo i suoi tragitti in un resoconto dove compaiono le sue valutazioni personali, così come Goethe e Stendal. Alfieri si riscontra anche nel viaggiatore romantico in quanto viaggia per un’esperienza interiore, ossia per far trovare tregua alla sua indole agitata e tormentata e perché descrive ed è sensibile al paesaggio che osserva e visita.