Il progresso tecnologico e scientifico: tesina maturità

Appunto inviato da lorcy
/5

Tesina di maturità sui vantaggi e svantaggi del progresso tecnologico e scientifico (6 pagine formato doc)

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E SCIENTIFICO: TESINA MATURITA'

Il Progresso
Il progresso scientifico e lo sviluppo tecnologico hanno da sempre suscitato un certo interesse nell’essere umano che, nell’incessante tentativo di innovarsi, ha continuamente cercato nuove risposte alle complesse domande che gli si presentavano davanti.


Inizialmente lo scopo principale era esclusivamente pratico così da facilitare la vita e rendere meno complessi i lavori manuali; si pensi all’invenzione del fuoco e della ruota, all’evoluzione dei materiali utilizzati per costruire armi e oggetti di uso quotidiano, allo sviluppo delle conoscenze architettoniche…
Numerose sono state le scoperte scientifico-tecnologiche apportate da civiltà come quella sumera (alfabeto), egizia (mummificazione), maya (calendario) e cinese (bussola).

Il progresso tecnologico e scientifico: tema svolto

PROGRESSO TECNOLOGICO: VANTAGGI E SVANTAGGI

Latino. Diversamente nella società romana, vi è stato un lungo periodo di stagnazione scientifica e tecnologica.

Questa civiltà fu ostile allo sviluppo delle tecniche, viste più che altro come turbamento dell'assetto sociale. Il progresso, infatti, fu spesso osteggiato dal potere politico che preferiva usufruire della manodopera a bassi costi fornita dagli schiavi piuttosto che incentivare la meccanizzazione.
I due fattori di fondo che impedirono un corretto rapporto con la scienza furono, da una parte la separazione tra la scienza stessa e le attività manuali, che non godevano di considerazione; dall’altra il fatto che la scienza fosse sottoposta alla filosofia, alla morale o a culti e credenze irrazionali.

Il progresso tecnologico: tesina e collegamenti

PROGRESSO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO: PRO E CONTRO

Due sono i personaggi di maggior rilievo che esprimono un’opinione riguardo il concetto di innovazione tecnologica a Roma: Seneca e Lucrezio. Entrambi vedevano del positivo quanto del negativo nell’idea di progresso.
Seneca sostiene che il progresso tecnologico sia apparente e provvisorio, sempre in continua evoluzione. È inoltre convinto che sia un bene collettivo, un’eredità di molti, fondamentale allo sviluppo sociale. Allo stesso tempo, però, egli nega che le invenzioni siano opera di sapienti ma che siano il prodotto di "uomini sagaci", cioè furbi, (accezione negativa) perché l'ingegnosità della mente è differente dalla profondità del pensiero e perché la natura ha fornito all'uomo tutto ciò di cui ha bisogno, quindi i prodotti tecnologici sarebbero prettamente superflui.
Lucrezio nel De rerum natura spiega come la tecnologia migliori il tenore della vita, ma come questo bene provochi un'insaziabile insoddisfazione nella maggioranza degli uomini. Vi è, quindi, l’idea che al progresso materiale corrisponda un regresso morale.

Tesina di maturità sul progresso

PROGRESSO TECNOLOGICO: TESINA

La figura dello scienziato, nella società romana esisteva, ma aveva il ruolo di raccogliere dati e notizie. Secondo Plinio il Vecchio le scoperte scientifiche sono frutto della natura e non dell'uomo, di conseguenza gli scopritori appaiono come casuali protagonisti dal ruolo passivo il cui unico compito è quello di raccogliere e catalogare i dati trovati.
La Naturalis historia scritta da Plinio il Vecchio, infatti, è un lavoro prettamente enciclopedico che tratta di argomenti di natura scientifica.
Presenta un carattere filantropico ed è incentrato sulla schedatura. Sono, spesso, presenti dei giudizi personali dell’autore che difende l’importanza ed il potere della natura.
L'opera assume, così, un carattere discontinuo, anche a causa delle sue notevoli dimensioni.