Marco Porcio Catone il Censore

Appunto inviato da kimscoglio
/5

Tesina su Marco Porcio Catone il censore. La vita, La storia di Roma come opera collettiva, Il De agri coltura, il rifiuto ideologico della civiltà ellenica. (4 pagine formato doc)

Nacque a “Tusculum”, nei pressi dell’odierna Frascati, nel 234 a.C.
da una famiglia benestante di proprietari terrieri. Da giovane partecipò alla seconda guerra punica combattendo a Zama. Rivestì alti gradi della gerarchia militare romana. Percorse tutte le tappe del “cursus honorum” , la carriera politica, fino ad esse eletto console nel 195 a.C.; durante la sua carica si oppose alla revoca della “Lex oppia”, una legge che limitava gli eccessi del lusso tra le classi ricche. Fu inoltre questore in Sicilia e in Sardegna. Nominato censore nel 184 a.C., cercò di reagire alla degenerazione dei costumi e al dilagare di atteggiamenti individualistici incoraggiati dal pensiero ellenico.
Combatté sempre contro l’ellenizzazione, esaltando la potenza e la ricchezza dello stato romano. Morì nel 149 a.C. all’età di ottantacinque anni.
Le “Origines”
Catone appartiene al periodo arcaico della letteratura latina, è considerato il primo prosatore, perché scrisse le sue “Origines” in lingua latina. Gli altri scrittori di questo periodo, infatti, facevano uso della lingua greca perché era la lingua più diffusa ed elegante. Catone compose le sue “Origenes” in vecchiaia, un’opera intesa a diffondere i principi della sua azione politica.
Come già detto le “Origenes” erano la prima opera storica in latino che si distanziava nella composizione dall’annalistica romana in lingua greca, nella quale l’ordine dei fatti era quello cronologico, Catone invece disprezzava e derideva questo tipo di scrittura.