Italo Svevo: opere, stile e pensiero

Appunto inviato da filpel
/5

Presentazione di un progetto ipertestuale sullo scrittore triestino: studio dei possibili fruitori del prodotto e illustrazione degli strumenti utilizzati (11 pagine formato doc)

Questo ipertesto è stato costruito sulla figura di Italo Svevo con l'intenzione di fornire un quadro agile per quanto riguarda la vita, la formazione, l'ambiente culturale, le influenze letterarie e le opere, sull'autore studiato nel corso dell'anno scolastico.
 
Gli obiettivi specifici del progetto sono:
1.    Stesura di un ipertesto su un argomento di letteratura.
2.    Realizzazione Cd-Rom con inserimento di fotografie ed immagini in movimento.
3.    Approfondire le conoscenze di letteratura e degli strumenti di sistemi.


2.
DESCRIZIONE

2.1 Argomenti trattati
Il lavoro sull'autore è stato sviluppato sotto diversi aspetti, quali:
La vita: biografia, Trieste Mitteleuropa e anima ebraica
Influenze culturali: Schopenhauer, Positivismo, Naturalismo (Zola), Socialismo (Marx), Decadentismo (Flaubert , Nietzsche,Freud, Joyce)
Visione del mondo: Dal romanzo di formazione alla figura dell'inetto, Borghesia e letterati (successo), Ironia
Opere: Inetto (il singolo e la società, Alfonso Nitti, Emilio Brentani e Zeno Cosini)
Analisi dei testi (Una vita, Senilità, Coscienza di Zeno) 
La critica: Montale
Sommario: Cronologia, Biografia e pensiero, Correnti letterarie

L'apertura dell'ipertesto presenta nella pagina principale i quattro argomenti perno di tutto il lavoro:  Biografia, Influenze Letterarie, Visione del  Mondo, Opere.

Nella biografia, oltre ad aver preso in considerazione tutti gli avvenimenti che fanno riferimento alla vita dell'autore, abbiamo ritenuto importante sviluppare un'ampia pagina sulla città d'origine del letterato.
Trieste, infatti, ebbe una particolare rilevanza sulla formazione culturale di Italo Svevo.

La storia della formazione letteraria di Ettore Schmitz va ricondotta, insomma, da un lato all'ambiente familiare, borghese, mercantile e israelita da cui sarebbe poi uscito lo scrittore Italo Svevo, dall'altro alla particolare natura della sua città. Essa, difatti, era il luogo d'incontro e di confronto di civiltà e di culture molteplici in cui si respirava un clima quanto mai stimolante, perché soggetto alle più feconde e vivaci sollecitazioni intellettuali.