Protozoi: struttura, parassiti e batteri

Appunto inviato da soldatina87
/5

Cosa sono i protozoi? Struttura dei protozoi, patogeni, parassiti e batteri (7 pagine formato doc)

PROTOZOI: STRUTTURA, PARASSITI E BATTERI

I protozoi.

I protozoi (Fig. 6) sono microrganismi UNICELLULARI EUCARIOTI MOBILI aventi dimensioni e struttura molto variabili (da 3 micron fino a 150 micron). Essendo mobili, i protozoi possiedono organi per il movimento:
i flagelli, lunghi filamenti citoplasmatici;
le ciglia, filamenti più corti;
gli pseudopodi, espansioni citoplasmatiche tipiche dell’ameba.
Sono molto diffusi nel suolo e nelle acque o come parassiti di animali e piante. Solo un piccolo numero provoca malattie nell’uomo.
Come per i batteri anche per alcuni protozoi è possibile la produzione di spore. I protozoi possono riprodursi in vari modi:
riproduzione ASESSUATA per scissione o gemmazione;
riproduzione SESSUATA.
Va anche sottolineato che i protozoi sono anche in grado di rigenerare parti del loro corpo cellulare danneggiate o distrutte. Molte infezioni da protozoi (le più gravi) sono frequenti solo nei paesi tropicali perché l’ambiente e vettori particolari (zanzare, ecc.) ne favoriscono la diffusione: è questo il caso della MALARIA. Frequente invece nei Paesi occidentali la Toxoplasmosi

Protozoi: struttura e classificazione

PROTOZOI PATOGENI

GLI AGENTI PATOGENI DELLE MALATTIE INFETTIVE
I microrganismi sono molto diffusi in natura e li possiamo trovare sia sull’ambiente che su organismi viventi. Essi vengono distinti in due grandi gruppi: SAPROFITI e PARASSITI. I SAPROFITI sono in grado di vivere e moltiplicarsi utilizzando come sostanze nutritive materiali inanimati. I PARASSITI possono vivere solo su organismi viventi, nutrendosi di cellule, tessuti o materiali organici di cui sono costituiti gli organismi che li ospitano. Non tutti i parassiti sono dannosi per l’organismo ospite, possiamo infatti distinguere 3 possibili interazioni tra il parassita e l’ospite: COMMENSALISMO, SIMBIOSI e PARASSITISMO PATOGENO.
 COMMENSALI: Il termine "commensale" sta ad indicare colui che partecipa ad un pranzo. Tali parassiti infatti trovano nell’organismo che li ospita i materiali nutritivi che gli sono necessari per vivere e per riprodursi, qui infatti vivono senza arrecare danno a chi li ospita.
SIMBIONTI: Nella simbiosi sia il parassita che l’ospite sono avvantaggiati dalla "convivenza", ad esempio alcuni batteri che vivono nell’intestino trovano in questa sede l’ambiente di vita ideale, ma a loro volta producono sostanze utili anche per l’ospite, come la vitamina K. (Fig. 1).
PARASSITI PATOGENI: determinano danni più o meno gravi per l’ospite in cui vive e si riproduce. Le malattie infettive sono provocate da microrganismi parassiti patogeni: BATTERI, VIRUS, FUNGHI MICROSCOPICI (MICETI), PROTOZOI..

Protozoi: struttura, riproduzione ed esempi

PROTOZOI: BATTERI

I BATTERI - I batteri sono microrganismi UNICELLULARI, costituiti cioè da una sola cellula, simili a cellule vegetali ma privi di clorofilla. Sono PROCARIOTI, ossia organismi dotati di nucleo primordiale, non visibile al microscopio perché privo di membrana nucleare. Le dimensioni dei batteri sono dell’ordine di qualche millesimo di millimetro.
 RICORDA : 1 millesimo di millimetro = 1 MICRON
La forma dei batteri può essere : sferica, cilindrica, incurvata. I batteri di forma sferica sono i COCCHI, che possiamo ritrovare isolati o raggruppati a due a due (DIPLOCOCCHI), a quattro (TETRADI), ad otto (SARCINE), oppure a catenelle (STREPTOCOCCHI) o a GRAPPOLI ( STAFILOCOCCHI). I batteri di forma cilindrica sono detti BACILLI ed anch’essi possono trovarsi isolati o a gruppi di due o a catenelle.   I batteri ricurvi sono detti VIBRIONI se hanno una sola "curva", SPIRILLI se hanno più curve sinuose e SPIROCHETE se hanno forma ad elica. I batteri sono cellule un po’ diverse dalle cellule che conosciamo, essi possiedono infatti un involucro esterno detto PARETE CELLULARE, che permette ai batteri di mantenere la loro forma.
APPROFONDISCI. Una particolare colorazione, detta di GRAM, permette di suddividere i batteri in due grandi gruppi:
GRAM POSITIVI (Gram +) che, messi a contatto con diversi coloranti, si colorano in violetto;
GRAM NEGATIVI (Gram - ) che assumono invece una colorazione rossa.
Questa differenza di colorazione è legata al diverso spessore e alla diversa composizione   chimica della parete cellulare.

Protisti e protozoi: riassunto

PROTOZOI: RIPRODUZIONE

Internamente alla parete troviamo la membrana cellulare che presenta delle sottili rientranze dette MESOSOMI che permettono la produzione di energia (svolgono la funzione dei mitocondri che nella cellula batterica non ci sono). La membrana cellulare racchiude il CITOPLASMA nel quale sono riconoscibili piccoli granuli di materiale nutritivo e i RIBOSOMI per la produzione di proteine. In alcuni batteri sono presenti dei sottili filamenti detti FLAGELLI che permettono il movimento. Alcuni batteri Gram + sono in grado di produrre un involucro resistente, una specie di guscio protettivo chiamato SPORA, che permette la sopravvivenza del germe in condizioni ambientali sfavorevoli.

I batteri produttori di spore possono essere AEROBI e allora vengono detti BACILLI o ANAEROBI e allora vengono chiamati CLOSTRIDI. Le spore non sono in grado di riprodursi, sono inerti, sono come dei germi "in letargo" in attesa di "tempi migliori", ossia di condizioni ambientali favorevoli. Sono molto resistenti all’essicamento, all’azione del calore, alle radiazioni UV e ai disinfettanti.

Protisti: classificazione e caratteristiche