1984, tra finzione e realtà

Appunto inviato da beautifullie
/5

Tesina di maturità sui concetti "finzione e realtà" nel romanzo di Orwell, 1984, con collegamenti in letteratura, storia, filosofia e italiano (5 pagine formato doc)

1984 TRA FINZIONE E REALTA'

“1984” tra finzione e realtà
Indice:
1984,  George Orwell
Tramite la visione del futuro di Orwell si evidenziano come i totalitarismi tramite il controllo della realtà e della storia sottomettono l’uomo; e di come “l’ultimo uomo” si erge contro di essi.                                                  
-    Totalitarismi: Stalinismo, Fascismo e Nazismo
Sfruttamento delle arti e dei media come mezzo di condizionamento.
-    D’Annunzio e il fascismo
-    Lo Übermensch Nietzchano
..e di come venne stravolto dal nazi-fascimo

1984 di Orwell: tesina maturità

TESINA 1984 ORWELL COLLEGAMENTI

1984,  G.

Orwell
Siamo nel 1984.
Il mondo è diviso in tre immensi superstati totalitari in perenne guerra fra loro: l’Eurasia, l’Estasia e l’Oceania. Il protagonista di questa storia è Winston Smith (L’ultimo uomo in Europa, questo il titolo che Orwell avrebbe preferito), un abitante della capitale dell’Oceania, Londra. In Oceania si vive sotto i dettami del Socing, il socialismo Inglese. In questa realtà dominata dal Grande Fratello, colui che tutto vede e tutto sa, la popolazione è perennemente spiata nei minimi dettagli, senza avere un attimo di libertà e di scelta.
Un’immensa propaganda atta a cambiare completamente il corso degli eventi, della storia, ogni qual volta il Partito ne abbia bisogno; una società dove non esiste legge scritta, ma un solo reato: lo psicoreato; un superstato dove lo psicoreato può essere qualunque cosa, qualunque pensiero... e a denunciarvi potrebbe essere proprio vostro figlio; un mondo dove tutto è diviso in tre classi: gli appartenenti al partito interno (classe dominante e a cui vengono concessi molti privilegi è la minima percentuale della popolazione Oceanica), i membri del partito esterno (gli impiegati del partito, lavorano per il partito ma sono assolutamente privi di privilegi e, anzi, sono i primi a essere controllati e puniti, in caso di psicoreato) e i Prolet (sono la popolazione abbandonata a se stessa, la maggioranza, che vive in uno stato quasi animalesco e che cerca di barcamenarsi come può). E’ in questa realtà che troviamo Winston Smith, appartenente al partito esterno e con la mansione di riscrivere il passato, di cambiarlo, in modo da renderlo reale; in modo che il Grande Fratello sia infallibile. 1984 ci racconta la vita di un uomo comune, e delle sue vicissitudini, in un mondo dove nulla è permesso e tutto è controllato.

1984 di Orwell: analisi

TESINA REALTA' E FINZIONE COLLEGAMENTI: I TOTALITARISMI

I Totalitarismi   
Stalinismo: regime politico che affermò in Russia la dispotica dittatura di Stalin e l'ideologia a essa connessa. Fu in questo periodo che si costituirono i tratti fondamentali del sistema sovietico, segnato dall'ispirazione dello stato-partito ad assumere il controllo totale su tutti gli aspetti della vita del paese (politica, economica, sociale e culturale). Frutto di un singolare sovrapporsi di continuità e rotture da una parte con la storia russa prerivoluzionaria e dall'altra con la tradizione rivoluzionaria bolscevica, lo stalinismo generò uno degli stati totalitari più feroci del XX secolo. Questo regime sorse quando, di fronte alle difficoltà del decollo industriale, fu abbandonata la Nep e venne imposta al paese la modernizzazione dall'alto. Nel 1929, dopo la sconfitta dell'opposizione di destra di Bucharin, Stalin assunse il pieno controllo del partito e diede avvio alla "grande svolta" che avrebbe dovuto portare alla rapida edificazione dell'economia socialista, regolata dalla pianificazione statale: ebbe inizio la collettivizzazione dell'agricoltura, accompagnata dall' industrializzazione forzata.

10 libri da leggere a scuola se hai 18 anni