Il viaggio, tesina di maturità

Appunto inviato da
/5

Percorso multidisciplinare sul tema del "Viaggio". Collegamenti con latino, italiano, inglese, storia dell'arte e scienze. Tesina di maturità sul viaggio per il liceo classico (10 pagine formato doc)

VIAGGIO: TESINA MATURITA'.
COLLEGAMENTI

Tesina multidisciplinare per l’esame di Stato a cura di Andrea D.
LATINO:     Eneide (Virgilio) - Satyricon (Petronio) – Metamorfosi (Apuleio)
ITALIANO:     Divina Commedia (Dante Alighieri) – I Promessi Sposi (Alessandro Manzoni) – I Malavoglia (Giovanni Verga)                             
INGLESE:     On the Road (Jack Kerouac) – Ulysses (James Joyce) – Romantic Poets
STORIA DELL’ARTE: Viaggio fisico (Gauguin e Primitivismo) – Viaggio psicanalitico (Surrealismo)
SCIENZE:     Esplorazione dello Spazio – Prime Orbite – Sbarco sulla Luna - Orizzonti.

Tesina sul viaggio

TESINA SUL VIAGGIO COME METAFORA DELLA VITA

Introduzione. Il termine “viaggio” deriva dal latino “viaticus”, che indica l’occorrente per mettersi in viaggio, quindi, seguendo l’etimologia del termine, il viaggio appare come una necessità, ma non sempre nella storia ha avuto questo significato.
Molte volte esso è stato visto come un viaggio della speranza, o della disperazione secondo i punti di vista.

Altre volte invece lo si è intrapreso per il desiderio di conoscere e di avventurarsi in nuove realtà diverse dalla propria.
È proprio quest’ultimo aspetto del viaggio che mi ha appassionato e mi ha spinto a sceglierlo come percorso per l’Esame di Maturità.
Essendo un argomento che appassiona molte persone, inevitabilmente abbraccia diverse discipline, da quelle prettamente umanistiche come la letteratura italiana, il latino o la letteratura inglese, ad altre di carattere scientifico come l’astronomia.

Tema sul viaggio

TESINA SUL VIAGGIO, LICEO CLASSICO

Latino. Facendo un’analisi cronologica su come il concetto di viaggio sia cambiato dall’antichità ad oggi, il nostro discorso non può che iniziare con la letteratura latina, con qualche accenno all’epica classica.
Il viaggiatore per antonomasia della letteratura classica è sicuramente Ulisse, il quale affronta il viaggio non per una volontà divina ma per il desiderio di conoscere. Nell’Odissea, opera che risale al X-XI secolo a.C., Omero ci descrive le peregrinazioni di questo eroe che, in seguito alla vittoria dei Greci nella battaglia di Troia, prima di poter ritrovare la moglie Penelope, dovrà navigare per 10 anni per il volere degli Dei, in particolare Nettuno. Una volta in patria però nasce in lui un nuovo sentimento, quello della brama di conoscenza, che lo porterà ad andare contro il fato e oltrepassare le Colonne d’Ercole, l’odierno stretto di Gibilterra. L’opporsi alla volontà degli dei significa per Ulisse una morte certa e, infatti, egli morirà poco dopo a causa del suo desiderio di libertà e della sua voglia di conoscere.

Tesina maturità sul viaggio

TESINA SUL VIAGGIO INTERIORE

Ben diversa è la situazione di Enea, figlio di Anchise e Venere e progenitore di Romolo e quindi dell’intera stirpe romana. Nell’Eneide di cui è protagonista, Virgilio lo descrive come un eroe rispettoso della volontà divina e proprio per volere di questa egli intraprende il suo viaggio.
Un aspetto accomuna però i due poemi, vale a dire la discesa negli Inferi. Questo è un altro significato che il viaggio può assumere, cioè esso può essere visto come un viaggio verso l’ignoto e il desiderio di conoscere quello che c’è oltre la vita terrena. La discesa negli Inferi, o “catabasi”, è presente nell’ XI libro dell’Odissea e nel VI libro dell’Eneide, e verrà ripreso polemicamente anche nel VI libro del Bellum Civile di Lucano. In tutte queste opere il viaggio è visto come una missione divina, voluta da entità superiori. Vengono trattate quindi tematiche serie e importanti e anche la scelta della poesia testimonia questo fatto, in quanto l’epica deve avere uno stile alto e solenne.