Lo spazio e il tempo: tesina

Appunto inviato da dolcesabry
/5

Lo spazio e il tempo in Kant, Seneca e il "De brevitate vitae"; Apollonio Rodio e le "Argonautiche"; "L'Infinito" di Leopardi, Il viaggio di Dante: lo spazio, il tempo e i loro valori morali; Dal 1939 al 1941: la "guerra lampo" tedesca; Space and time in Joyce's "Dubliners" e "Ulysses" (21 pagine formato doc)

LO SPAZIO E IL TEMPO: TESINA

Lo spazio tempo.

Indice: Filosofia - Lo spazio e il tempo in Kant; Latino - Seneca e il “De brevitate vitae”; Greco - Apollonio Rodio e le “Argonautiche”; Italiano - “L'Infinito” di Leopardi, Il viaggio di Dante: lo spazio, il tempo e i loro valori morali; storia - Dal 1939 al 1941: la “guerra lampo” tedesca; inglese - Space and time in Joyce's “Dubliners” and “Ulysses”.  
Immanuel Kant - Spazio e tempo come forme a priori della sensibilità
Nella prima parte della Critica della ragion pura, detta Estetica trascendentale, Kant studia i princìpi a priori della sensibilità, vale a dire lo spazio e il tempo. Il piano su cui si muove l’indagine (estetica) critica è quello trascendentale, vale a dire quello dell’indagine non sull’oggetto, ma sul nostro modo di conoscerlo.

Spazio e tempo: tesina maturità


TESINA SULLO SPAZIO, TERZA MEDIA

Questo problema è uno dei più rilevanti che incontra nel periodo pre-critico.

In quel periodo Newton aveva supposto l'esistenza di uno spazio e di un tempo assoluti, mentre Leibniz aveva negato che spazio e tempo avessero una realtà in se stessi e aveva proposto di considerarli come semplici relazioni tra corpi. Kant affronta questo problema tentando di conciliare le due ipotesi e giunge alla soluzione che spazio e tempo non sono né una realtà oggettiva in se stessa, né semplici relazioni tra oggetti, ma piuttosto forme a priori della sensibilità umana. Esse condizionano ogni nostra esperienza sensibile in quanto le cose ci sono presentate sempre situate all'interno di uno spazio e di un tempo. Da un lato questi dunque operano solo in presenza dei dati dell'esperienza, ma dall'altro sono ricavati per astrazione dalla sensazione.

Tesina sullo spazio e tempo per la maturità


TESINA SUL TEMPO

L'estetica trascendentale è in Kant "l'apprensione immediata dei dati sensibili e ordinati nelle relative forme a priori". Questa intuizione è la sintesi del contenuto extrasoggettivo che deriva dalle impressioni sensibili, e della forma, propria del soggetto che colloca i dati nello spazio e nel tempo.
Nell'intuizione si costituisce dunque un mondo dell'esperienza organizzato nelle forme dello spazio e del tempo: noi sintetizziamo i dati che ci provengono dalla sensibilità con le forme a priori che strutturano tali dati. Fondandosi sui dati delle intuizioni, le operazioni conoscitive sono formulate attraverso giudizi sintetici a priori.
Il problema viene affrontato partendo dall'analisi della nostra capacità di conoscere con i sensi: la sensibilità, che ha come caratteristiche fondamentali la passività e la recettività. Noi conosciamo perché siamo modificati dagli oggetti che agiscono sulla nostra capacità di rappresentazione producendo una sensazione. Attraverso questa sensazione però non conosciamo direttamente gli oggetti come sono in se stessi, ma solo come ci appaiono dalle modificazioni che provocano su noi stessi cioè attraverso il fenomeno.