Alice nel paese delle meraviglie e la crisi dell'io: tesina maturità

Appunto inviato da sbrchiara
/5

Tesina maturità ispirata al libro di Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie, un viaggio attraverso il sogno, l'assurdo e la crisi interiore (14 pagine formato doc)

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE E LA CRISI DELL'IO: TESINA MATURITA'

Alice nel paese delle meraviglie: la crisi dell'io e il sogno
Indice
Introduzione
Mappa concettuale
•    Inglese
Alice in Wonderland- Lewis Carroll
•    Italiano
Il relativismo dell’io- Luigi Pirandello
•    Francese
L’absurdité du monde- Albert Camus
•    Spagnolo
La vida es sueño- Calderon De la Barca
•    Economia
La crisi delle banche e la riforma del 1936
•    Storia
La crisi del primo dopoguerra
•    Geografia
Lo sviluppo e la crisi del mondo occidentale

Alice nel paese delle meraviglie e la fisica quantistica: tesina maturità

 

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE: TESINA MATURITA'

Introduzione.

Il libro ‘Alice nel Paese delle Meraviglie’ è molto più di una semplice storiella immaginaria per bambini.
Da piccola rimasi affascinata dalla vastità e dalla diversità di personaggi che contiene  la trama e avrei sempre voluto poter diventare almeno per un giorno Alice, anche solo per conoscere uno strano Gatto,un coniglio frettoloso,un cappellaio matto o un bruco sconclusionato.
Rileggendolo in una fase della mia vita ricca di cambiamenti e indecisioni,mi  son resa conto che Alice è un alter-ego presente un po’ in tutti noi: un’anima che si ritrova catapultata in un sogno capace di mettere in crisi le certezze della realtà vivendo delle situazioni in cui l’assurdo vi fa da padrone.
Analizzando ogni singola parola  del libro si possono estrapolare tre grandi temi che nella storia e nella letteratura universale l’uomo ha preso in esame: il sogno illusorio capace d’influenzarci nel quotidiano,la crisi interiore e l’assurdità del mondo.

La crisi dell'io nel 900: tesina maturità

 

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE: CRISI D'IDENTITA'

Autori di tutto il mondo hanno affrontato le crisi interiori di ogni ceto sociale e di qualsiasi sesso, a partire da Luigi Pirandello che analizza il vivere di Vitangelo Moscarda in ‘Uno,Nessuno e Centomila’ ,passando poi per analizzare l’uomo assurdo-colui cioè che ha inteso l’assurdità del mondo in compagnia di Albert Camus,fino ad arrivare ad una realtà vissuta come sogno e il sogno come realtà in ‘La vida es sueño’ di Calderòn de La Barca:un sottile margine che separa due dimensioni apparentemente uguali che si alternano nella vita di ognuno.
L'analisi della crisi dell'io la si può tracciare nella storia quando l'uomo vive momenti di paure ed indecisioni durante il primo dopoguerra ed in seguito alla crisi economica del '29 che portò i legislatori nel 1936 di fronte ad una necessità di rimodernizzazione del sistema bancario italiano. Tutt'oggi la crisi è presente non solo nei paesi sottosviluppati ma anche in quelli occidentali in cui l'uomo ha una visione limitata del futuro che è visto come un lungo tunnel oscuro all'interno del quale l'incertezza vi fa da padrone.
‘..You can visit either of them. They're both mad.’ - Cheshire cat