Tesina di maturità sulle banche nelle economie avanzate

Appunto inviato da donbaki88
/5

Tesina di maturità sulle banche per il diploma di tecnico della gestione aziendale. Collegamenti con: la banca, l'analisi di bilancio, banking, la nascita della Banca d'Italia, Il treno ha fischiato di Pirandello e i contratti bancari (17 pagine formato doc)

TESINA MATURITA' SULLE BANCHE NELLE ECONOMIE AVANZATE: COLLEGAMENTI

Tesina di esami di Stato.

Diploma di tecnico della gestione aziendale. Le banche nelle economie avanzate. Indice: la banca, l'analisi di bilancio, banking, la nascita della Banca d'Italia, Il treno ha fischiato di Pirandello e i contratti bancari. Premsessa - In questa tesina ho affrontato il tema delle banche nelle economie avanzate nei diversi aspetti che lo caratterizzano.
Ho deciso di argomentare questa tesi perché l’attività bancaria è di fondamentale importanza per il funzionamento di un’economia moderna.
Durante il corso dell’anno scolastico ho potuto constatare e studiare l’evoluzione di questo ente che opera nel settore creditizio perché ne è stato oggetto di discussione nella maggior parte delle discipline scolastiche; è un tema che riguarda comunque la vita attuale e quotidiana di ogni giorno.
La banca.
Impresa commerciale che raccoglie il risparmio (attraverso il deposito di fondi, da parte di singoli cittadini o di imprese) ed esercita il credito (attraverso il prestito di fondi a singole persone o imprese), la banca deve necessariamente rivestire la forma giuridica di S.p.A. o società cooperativa per azioni a responsabilità limitata, perseguendo scopo di lucro.

Tesina di maturità sulla banca


TESINA SUL SISTEMA BANCARIO

La banca grazie alla sua attività svolge un ruolo decisivo nello sviluppo economico del Paese ed è questa la ragione per cui in ogni economia sviluppata le banche sono sottoposte alla stretta vigilanza delle banche centrali. L’insieme delle banche operanti in un determinato paese sotto il controllo della banca centrale costituisce il sistema bancario.
Le banche nelle economie avanzate. Nel corso degli ultimi vent’anni l’industria bancaria è stata oggetto di un processo di trasformazione, tuttora in corso, determinato dalla liberalizzazione dei mercati, dall’introduzione di nuovi prodotti e strumenti finanziari, dalla penetrazione della tecnologia dell’informazione. A partire dagli anni Ottanta del Novecento negli Stati Uniti, e un decennio più tardi in Europa, il sistema bancario ha visto la riduzione del numero delle banche e l’aumento delle loro dimensioni, grazie ad una serie di fusioni  finalizzate alla creazione di gruppi bancari in grado di operare a livello internazionale. Nell’Europa continentale il processo ha subito un’accentuata accelerazione in vista dell’Unione monetaria europea.
La costituzione di un unico sistema finanziario su scala continentale pone, infatti, in una posizione iniziale di vantaggio le banche americane, già abituate a convivere con il mercato finanziario più evoluto e a fornire servizi alle imprese multinazionali, rispetto a quelle europee, meno abituate ad operare fuori dei confini nazionali.

Le banche: riassunto


TESINA SULLE BANCHE, ECONOMIA AZIENDALE

L’industria bancaria in Italia. All’inizio degli anni ’90 le “aziende di credito” – banche e casse di risparmio – e gli “istituti di credito speciale” (Ics) erano distinti a seconda che i depositi a risparmio avessero una scadenza massima fino a 18 mesi per le prime, oltre per i secondi. La durata dei prestiti che ciascun istituto poteva erogare era in relazione con la scadenza massima della raccolta.
L’organo di vigilanza, che dal 1947 era ed è ancora oggi la Banca d’Italia, poteva decidere sull’ingresso nel mercato delle aziende di credito, e regolare la loro articolazione territoriale di sportelli, e aveva la possibilità di far sentire la propria voce anche negli aspetti più sostanziali della gestione.
Il grado di concorrenza presente nell’industria bancaria era limitato da alcune barriere a monte, perché la Banca d’Italia non autorizzava la costituzione di nuove aziende di credito.