Tesina di maturità sul disagio giovanile negli anni '60

Appunto inviato da
/5

Il Disagio giovanile: tesina e collegamenti con Kennedy e la guerra fredda, pop art, Moravia e Pasolini, Esistenzialismo, Jack Kerouak, contestazione nel De Bellum Catilinae (14 pagine formato doc)

TESINA SUL DISAGIO GIOVANILE, COLLEGAMENTI

Disagio giovanile negli anni '60. Letteratura e Musica
IL fenomeno della Contestazione negli anni 60'
Storia: Kennedy e la guerra fredda, il Vietnam,Primavera di Praga, il sessantotto....
STORIA DELL'ARTE: Pop Art (espressione artistica di quegli anni)
Panorama Musicale
LETTERATURA ITALIANA: Moravia e Pasolini
FILOSOFIA: ESISTENZIALISMO
LETTERATURA INGLESE: Jack Kerouak(padre della beat generation)
LETTERATURA LATINA: Contestazione trattata nel De Bellum Catilinae di Sallustio
Dalla fine della seconda guerra mondiale agli anni 60’ la cultura è stata fortemente influenzata da fenomeni di costume che ne hanno caratterizzato le svolte nei vari settori, dal letterario al musicale, al figurativo, al teatrale.Alla base di questi fenomeni possiamo individuare una tendenza generale: la contestazione.

Tema svolto sul disagio giovanile

TESINA DISAGIO ESISTENZIALE

La cultura della contestazione ha interessato soprattutto il mondo giovanile, manifestandosi sia in America sia in Europa con atteggiamenti ribellistici, provocatori, anticonformistici e trasgressivi.

All’origine della rabbia giovanile stava la contestazione del sistema borghese capitalistico, l’ansia per un futuro su cui pesava il pericolo di una guerra atomica e il violento scontro generazionale.
Essi rifiutavano la loro società, accusata di appiattire l’uomo, dequalificare l’intellettuale e mercificare tutto, anche l’arte e il pensiero. Un fenomeno europeo di protesta giovanile è stato quello dei ”giovani arrabbiati” (Angry Young Men). Nasceva nel 1957 in Inghilterra ed era animato da uno spirito trasgressivo nei confronti della morale tradizionale e del conservatorismo della società inglese.

Il disagio giovanile: altro tema svolto

CAUSE DISAGIO GIOVANILE

Attraverso la drammaturgia e la narrativa, questi giovani aggredivano il reale, presentandolo nella sua forma più bassa e frustrante usando un linguaggio basato sullo slang, in altre parole termini gergali e dialettali. Un similare fenomeno di protesta socio-esistenziale, è stato quello della “beat generation”, sviluppatosi in America fra la metà degli anni 50’ e 60’, con forti concentrazioni a San Francisco e a New York; in esso interagiscono fattori psicologici, di costume e di moda, e prese di posizione morali, intellettuali ed artistiche. La società americana, di questo periodo, è percorsa da mille contraddizioni che finiscono per bloccarla in un immobilismo senza avvenire e senza speranza.

I problemi dell'adolescenza: tema svolto

TESINA MATURITA'

Infatti, da un verso gli USA, che hanno combattuto in difesa della democrazia contro le barbarie naziste, sono considerati da molti il simbolo dalla libertà e della giustizia; dall’altro vivono sotto l’incubo della guerra fredda, costantemente minacciati dal rischio di un conflitto nucleare. Inoltre, la paura del comunismo, scatena una vera e propria persecuzione nei confronti di tutti coloro, in particolare intellettuali e artisti, che hanno manifestato o manifestano simpatie per la sinistra (la cosiddetta “caccia alle streghe” orchestrata dal senatore McCarthy). Tutto ciò crea un clima pesante, che fa vacillare l’immagine del paese, da sempre considerato la culla della libertà. Sul piano dei costumi, per un verso si assiste al dilagare del consumismo, nel quale sembra essersi incarnata la promessa di felicità, garantita dal primo articolo dalla Costituzione, per altro persistono modelli di vita conformistici che bandiscono, come attività pericolose e immorali, il ballo, le relazioni sessuali e le corse in motocicletta.