L'evoluzione della malattia mentale: tesina maturità

Appunto inviato da nancybitritto94
/5

Tesina maturità sull'evoluzione della malattia mentale, i disturbi che hanno comportato durante la prima guerra mondiale e descrizione approfondita della schizofrenia (18 pagine formato doc)

L'EVOLUZIONE DELLA MALATTIA MENTALE: TESINA MATURITA'

Dino Campana.

A dimostrare che la prima guerra mondiale fu una colossale tragedia bastano i numeri. Tutto cominciò nell’estate 1914, dopo l’uccisione a Sarajevo,dall’erede designato al trono imperiale asburgico:il governo dell’Austria-Ungheria,convinto della complicità del Regno di Serbia nell’attentato,gli dichiarò guerra il 28 luglio. La ragione del perché una guerra di logoramento si trasformò in un conflitto globale,va trovata nel fatto che tutti gli stati europei erano legati tra loro in una fitta rete di alleanze e contro alleanze.
Il risultato fu una guerra che vide contrapposte Austria-Ungheria e Germania,da un lato, Serbia,Russia,Francia,Belgio e Inghilterra dall’altro.

Riassunto sul disagio psichico

 

TESINA SULLA MALATTIA MENTALE

Il 20 agosto 1885 nasce a Marradi(provincia di Firenze) Dino Campana da un insegnante di scuola elementare in seguito direttore didattico, descritto come un uomo caratterialmente debole e remissivo e da una donna compulsiva(ossessione) e severa affetta da una mania deambulatoria e accesa credente cattolica.
Campana scorre la sua infanzia in maniera, possiamo dire, tranquilla ma a circa quindici anni gli vengono diagnosticati I PRIMI DISTURBI NERVOSI che però non gli impediranno di frequentare i vari cicli di scuola. Consegue la maturità, nel luglio 1903, ritorna nel suo paese natio, e il suo ritorno alterò le sue crisi nervose e i suoi sbalzi d’amore causati anche dal rapporto familiare, in particolare con la madre.

Arte e malattia mentale: tesina maturità

 

MALATTIE MENTALI NELLA STORIA

Nella stagione invernale Campana per sottrarsi alla monotonia del suo paese, raggiunge una località poco distante dove trascorreva le ore mangiando le caldarroste. Questo tipo di svago sembrava avere effetti positivi sui suoi disturbi psichici. Gli anni passano e Campana si iscrive a diverse università, intrattiene rapporti di amicizia con gruppi di –goliardi-  e pubblica alcune prove poetiche chiamate “CANTI ORFICI”  
In queste prove Campana espresse il suo malessere oscuro e con una voglia irrefrenabile di fuggire e dedicarsi ad una vita errabonda.
Ad ogni sua fuga, che si realizzava con viaggi in paesi stranieri dove, seguiva, da parte della polizia il ricovero in manicomio. Il ricovero avveniva in atto di conformità con il sistema psichiatrico di quei tempi e le incertezze familiari.
Inoltre, veniva maggiormente visto con sospetto per i tratti somatici che venivano giudicati GERMANICI e per l’impeto con cui discuteva di poesia e filosofia. Viene internato più volte, dove tenterà ugualmente di scappare in Svizzera e Francia ma alla fine verrà “salvato” dalla famiglia, a cui verrà affidato.  

Tesina maturità sulla follia

 

STORIA DELLA SALUTE MENTALE

Nel 1907 si dice, che Campana viene spedito in Argentina da alcuni parenti affinché si liberava del tanto odiato paese natio e per il conflitto ormai insanabile con la madre. Viene affascinato da questa proposta e accetta.
 Ricompare a Marradi nella primavera del 1909,dopo aver girovagato per tutta l’Argentina, dove verrà arrestato, rilasciato e internato di nuovo.
La famiglia decide di riprenderselo, e successivamente ad un periodo sereno decide di riprendere l’università ma verrà internato per l’ultima volta nel 1918.
Presso l’ospedale psichiatrico situato nella villa Castelpulci,  Campana viene visitato dallo psichiatra PARIANI che conferma la diagnosi:” EBEFRENIA “ : FORMA GRAVE E INCURABILE DI PSICOSCHIZOFRENICA.
Il poeta ormai risultava paranoico e convinto di essere perseguitato e spiato dal governo. Muore in ospedale per una forma di setticemia causata, precedentemente, da una ferita con un filo spinato durante un tentativo di fuga.