Imposte e tasse: tesina

Appunto inviato da xrobertosx
/5

Imposte e tasse: tesina sulla classificazione, soggetto, oggetto, aliquota e accertamento (4 pagine formato doc)

IMPOSTE E TASSE: TESINA

Le imposte.

sono i tributi che gli enti pubblici impongono , senza corrispettivo di alcun servizio, ai soggetti che si trovano in determinate condizioni previste dalla legge e destinati a fornire agli enti pubblici stessi i mezzi di svolgimento della loro attività.
L’imposta si differenzia dalla tassa pela sua obbligatorietà, in quanto si applica ai membri della collettività non in rapporto alla domanda che essi fanno di un dato servizio ma in base ad altri elementi (quali il reddito o il patrimonio accertato).
L’i. differisce anche dal contributo , che è sì tributo obbligatorio, ma che , come la tassa copre solo una parte del costo dei lavori pubblici indivisibili, dovrebbero servire anche a coprire la parte del costo dei servizi e dei lavori pubblici lasciata scoperta dalle tasse e dai contributi e a realizzare le altre finalità dello stato.

Imposte, tasse e contributi: definizione


DIFFERENZA TRA IMPOSTE DIRETTE E INDIRETTE

Classificazione delle imposte: Le i.

si possono innanzitutto distinguere in i. generali e speciali a seconda che colpiscano o no nella stessa misura tutti i settori di attività economica ; in erariali e locali a seconda che siano applicate dallo stato o dagli enti locali , e queste ultime in i. comunali , provinciali , regionali , camerali, ecc. ; in neutrali o fisse, specifiche, ad valorem.
La distinzione tra i. in natura, corrisposte cioè mediante cessione agli enti pubblici di beni o prestazioni di servizi personali, e di i. in moneta è stata ormai superata dal diffondersi dell’economia monetaria.
Importante invece è la distinzione tra imposte dirette e imposte indirette, basata comunemente sugli indici della capacità contributiva cui l’imposta viene commisurata ; se cioè la capacità contributiva si desume dalle sue manifestazioni immediate, si hanno i. dirette sul reddito e sul patrimonio, e se invece ci si base sulle manifestazioni mediate dalla capacità stessa le i.indirette sui trasferimenti , sulla produzione, e sui consumi.

Cosa sono le tasse, appunti di scienze delle finanze


COSA SONO LE TASSE

Le imposte dirette possono adeguarsi meglio delle indirette alle condizioni del contribuente, consentendo l’esenzione dei redditi e dei patrimoni minimi la discriminazione qualitativa dei redditi e l’applicazione di aliquote progressive; danno quindi maggiore garanzia di giustizia tributaria e inoltre assicurano allo stato entrate sicure e costanti e con minori spese di riscossione. I problemi più diffusi dovuti alle i. dirette riguardano l’evasione, l’elusione e la mancanza di flessibilità rispetto al mutamento delle condizioni economiche. Le indirette sono invece molto flessibili: per la loro divisibilità e il loro inglobamento nel prezzo dei beni vengono pagate quasi inavvertitamente dai cittadini.
La proporzione tra i. dirette e i. indirette è normalmente considerata per valutare un singolo sistema tributario dal punto di vista del suo grado di progressività, della distorsione che il prelievo fiscale provoca nell’impiego delle risorse e dei possibili effetti sulla stabilità e lo sviluppo dell’economia del paese in questione. Le i. dirette possono poi a loro volta distinguersi, come si è già ricordato , in  i. sul reddito e i.sul patrimonio, a seconda dell’oggetto della loro imposizione, e in i. reali, che colpiscono le ricchezze per sé stesse senza tener conto della situazione economica, familiare, ecc.