Inganno: etimologia e significato - Tesina maturità

Appunto inviato da hj77
/5

Tesina di maturità sull'inganno che affronta i seguenti argomenti: Eugenio Montale e Italo Svevo, Arthur Schopenhauer, George Orwell, teoria geocentrica e teoria eliocentrica, New Deal, Apuleio "De magia", doping, James Ensor (L'ingresso di Cristo a Bruxelles). Etimologia e significato della parola inganno (6 pagine formato doc)

INGANNO: ETIMOLOGIA E SIGNIFICATO - TESINA MATURITA'

L’inganno.

Le ragioni che mi hanno spinto alla scelta dell’argomento vanno ricercate nella voglia di approfondire dei fili conduttori che ho incontrato nelle diverse discipline, in questi anni e in particolare nell’ultimo, e che mi hanno spesso fatto soffermare a riflettere sui comportamenti umani;dopotutto ai giorni nostri mi sembra si sia circondati da inganni, forse più che in altre epoche, a dispetto della libertà che ci sembra aver acquisito nel corso dei secoli. Ed è anche questo che mi ha portato a ricercare la “storia dell’inganno”, selezionando e citando le opere di alcuni personaggi chiave.

Tesina maturità per Liceo Scientifico: Tempi moderni


INGANNO SIGNIFICATO

Etimologia della parola - L’inganno anticamente aveva una connotazione positiva, che si trasformò poi con il passare del tempo:
-    Inganno deriva dal tardo latino, gannat, terza persona singolare del verbo “canzonare”
-    Inizialmente non aveva connotazioni negative
-    Canzonatore era colui che cantava storie
-    Nel tempo si è assistito a uno sdoppiamento del significato:
-    Accezione positiva: “Ingannare il tempo”, rendere meno gravosa una situazione
-    Accezione negativa: operare con frode e malizia nei confronti di altri.

Tesina di maturità sul bianco e il nero


INGANNO TESINA

PERCORSO:
ITALIANO: Eugenio Montale, Italo Svevo          
FILOSOFIA: Arthur Schopenhauer
INGLESE: George Orwell
GEO-FISICA: Teoria geocentrica e Teoria eliocentrica
STORIA: New Deal
LATINO: Apuleio “De magia”
ED.

FISICA: Doping
STO. DELL’ARTE: James Ensor (L’ingresso di Cristo a Bruxelles)
ITALIANO.
Italo Svevo
-Gli autoinganni caratterizzano i personaggi delle opere più importanti di Svevo:
-In “Una vita” il protagonista, Alfonso Nitti, sente la sua inferiorità dovuta alla sua vocazione letteraria,
-In “Senilità” il protagonista, Emilio Brentani, mente a se stesso convincendosi di poter vivere una relazione senza innamorarsi mai. 
Eugenio Montale
- La sua poetica è contraddistinta dalla presenza del “male di vivere”, che lo porta  
ad avere un sentimento di totale disarmonia con la realtà.
-Arrivò ad affermare che il mondo stesso fosse solo un inganno, infatti a tal proposito disse:
“Non mi stupirei affatto se qualcuno mi dimostrasse che non esiste nulla…”
-Questa idea del mondo come inganno la riprese da un illustre filosofo, Arthur Schopenhauer, che vedeva il mondo come rappresentazione.
-Nonostante il mondo sia un inganno e quindi fittizio, la vita deve comunque avere un fine.
-Lo scopo della sua poetica è proprio la ricerca di questo fine.

Cubismo, tesina di arte