Tesina: città e campagna

Appunto inviato da piccci93
/5

Tesina di maturità sulla città e campagna in Virgilio, Teocrito, Marziale, Pascoli, Wordsworth, John Constable, Camille Pissarro e Comte (17 pagine formato doc)

TESINA CITTA' E CAMPAGNA

Città e campagna: loro influenze sul modo di vivere.
Fin dall’antichità i poeti hanno espresso le loro idee riguardo la vita, soffermandosi sulla contrapposizione tra la vita in campagna, bucolica ed agreste, dipinta per esempio da Teocrito e Virgilio, e la vita in città, più frenetica e rumorosa, in cui si inseriscono gli Epigrammi di Marziale.
Da allora la letteratura ha continuato a sviluppare queste tematiche che possiamo trovare, per esempio, nelle raccolte delle poesie di Pascoli.
Dalla fine dell’800, quando ebbe inizio il fenomeno dell’urbanizzazione con conseguente spopolamento delle zone rurali, si sono evidenziate sempre di più le differenze nel modo di vivere in città e nella campagna.
Anche la filosofia è intervenuta su questi temi: il Romanticismo, corrente letteraria ed artistica, favoriva la natura e maggior contatto con essa; il Positivismo, invece, favoriva lo sviluppo scientifico e la vita in città.

Città e campagna nella letteratura: ricerca

DIFFERENZE TRA CITTA' E CAMPAGNA

Dalla seconda metà del ‘900, inoltre, grazie, o a causa, dello sviluppo economico molte famiglie si sono spostate dalle campagne alle città o, addirittura, si sono trasferite da una regione all’altra, fenomeno, quest’ultimo, che interessa soprattutto le regioni meridionali, vittime di maggiore spopolamento a favore di quelle settentrionali.
La città infatti è un luogo dove vivono e lavorano migliaia, o anche milioni, di persone.


Le loro abitazioni sono moderni condomini o palazzi d’epoca, allineati lungo vie rese caotiche dal traffico, sui cui marciapiedi la persone vanno di fretta, prese da mille impegni.
La maggior parte delle città e metropoli sono sovraffollate, sporche, numerose, inquinate e con poche “oasi verdi”.
Tuttavia, nonostante questi aspetti negativi, la percentuale di abitanti dei centri urbani continua a crescere, e questo perché la città offre più opportunità di occupazione, di cultura e di svago.

Tema: meglio vivere in campagna o in città?

VIRGILIO CITTA' CAMPAGNA

Al ritmo spesso frenetico della città si contrappone la pace e la tranquillità della vita nei paesi e villaggi di campagna, dove la popolazione è molto più scarsa e abita in paesi più isolati.
L’insieme delle attività svolte da contadini e agricoltori costituiscono una sorta di rapporto fisiologico tra la società umana organizzata e la terra che la nutre e sono attività sia produttive che protettive.
Gli abitanti delle zone agresti hanno però il vantaggio di poter trascorrere molto del loro tempo libero all’aria aperta, dedicandosi ad attività rigeneranti per il corpo ma soprattutto per la mente.
Città e campagna: due mondi e due stili di vita differenti che però si compensano a vicenda, chi trova monotona la vita di campagna si può sempre inebriare, di quando in quando, delle “mille luci” della città e chi è stressato dalla routine di città può concedersi qualche pausa rifugiandosi nella quiete della natura, per poi tornare, ognuno, al proprio mondo.

.