Tesina maturità sulla comunicazione non verbale

Appunto inviato da elianamaraglino
/5

Percorso multidisciplinare sulla comunicazione non verbale. Collegamenti con: Paul Ekman, la comunicazione non verbale della propaganda nazista, George Orwell e "1984", Natalia Ginzburg, Quintiliano, tecnologia e scienza, Espressionismo tedesco, il linauggio del corpo nella musica e danza. Tesina di maturità sulla comunicazione non verbale (35 pagine formato pdf)

COLLEGAMENTI TESINA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Percorso per tesina sulla comunicazione non verbale.

Collegamenti con: Paul Ekman, la comunicazione non verbale della propaganda nazista, George Orwell e "1984", Natalia Ginzburg, Quintiliano, tecnologia e scienza, Espressionismo tedesco, il linguaggio del corpo nella musica e danza.

Comunicazione non verbale: tema svolto


PERCORSO MATURITA' COMUNICAZIONE NON VERBALE

La comunicazione non verbale. Introduzione - E’ proprio vero… nella maggior parte dei casi “ il fallimento di una relazione è quasi sempre in fallimento di comunicazione”.
L’idea di trattare questo argomento è nata a seguito di un litigio in famiglia, per cui non ho trovato alcun motivo valido, se non un difetto di comunicazione.
Quando parliamo, la maggior parte delle volte, diamo più importanza al significato letterale delle parole, trascurando come esse vengono percepite dall’interlocutore.
Il tono di voce, la mimica facciale, la postura, la gestualità, sono aspetti trasmessi inconsciamente che spesso ignoriamo e sottovalutiamo, ma da cui dipende l’efficacia del messaggio: la comunicazione non verbale.
Tra i maggiori studiosi di comunicazione, la mia curiosità si è soffermata su Paul Ekman, psicologo statunitense che ha condotto studi sulle micro espressioni facciali, ossia la mimica del viso.

Ekman, inoltre ha ispirato numerose serie TV tra cui “Lie to me” con Tim Roth.

Comunicazione non verbale, riassunto di psicologia


TESINA MATURITA' SULLA COMUNICAZIONE PERSUASIVA

La comunicazione non verbale incide e ha inciso ai tempi dei regimi totalitari sulla psicologia degli individui, attraverso manifesti, slogan e tutti i mezzi di comunicazione disponibili.
La forte potenza comunicativa è riscontrabile nelle opere dei letterati, che hanno vissuto personalmente l’esperienza bellica: George Orwell in Inghilterra e Natalia Ginzburg in Italia.
All’imponente “Grande Fratello” di Orwell si contrappone il “Lessico Famigliare”, dolce della Ginzburg; il sangue e le tragedie fasciste non riescono ad incrinare la sua calda e serena atmosfera familiare che l’accompagnerà per tutta la vita. Il merito del suo equilibrio interiore lo attribuisce alla sua famiglia e soprattutto alla figura paterna.
La famiglia riveste un ruolo decisivo nell’ambito dell’educazione e della formazione della personalità del bambino, individuato già in tempi antichi da Quintiliano, considerato il precursore della pedagogia moderna.
Il sistema che migliora la comunicazione, l’educazione e qualsiasi tipo di relazione è l’Enneagramma, un concentrato di teorie filosofiche e matematiche di diverse epoche e culture.

Comunicazione non verbale, tesina di ed. fisica