Coscienza e tempo: tesina di maturità

Appunto inviato da autumnsongg
/5

Coscienza e tempo nella letteratura del 900: tesina di maturità sulle teorie di Freud e Bergson, il Surrealismo e Magritte, Svevo e La coscienza di Zeno, Joyce e Dubliners e il racconto Eveline, Schnitzler, Traumnovelle e paragone tra le tre opere (17 pagine formato pdf)

COSCIENZA E TEMPO: TESINA DI MATURITA'

Freud e il concetto di «inconscio».

Il termine “inconscio” indica tutte le attivita mentali non presenti alla coscienza di un individuo; rappresenta quella dimensione psichica che contiene emozioni, pensieri, istinti spesso alla base dell'agire umano, ma di cui il soggetto non e consapevole. Purche si ritenga
che una vaga psicologia dell'inconscio fosse presente gia nelle antiche pratiche sciamaniche dei popoli primitivi, le origini del concetto si rintracciano presso gli antichi Greci, che parlavano di un sapere nascosto e di processi non coscienti all'interno dell'anima umana. Nella storia vari filosofi evidenziarono l'esistenza dell'inconscio e ne analizzarono le caratteristiche, ma fu con Sigmund Freud (1856 – 1839) che il concetto si diffuse diventando il cardine del pensiero e della prassi psicoanalitica.

Bergson: pensiero e opere

BERGSON: MEMORIA, RICORDO E PERCEZIONE

Egli infatti e noto per aver elaborato una teoria scientifica e filosofica secondo la quale i processi psichici inconsci influenzano in modo determinante il pensiero, il comportamento e l'interazione tra gli individui.

Grazie alla sua formazione medica studio le ipotesi di correlazione tra la visione dell'inconscio e le strutture fisiche del cervello e del corpo; si dedico, tra il resto, allo studio dell'ipnosi e della nevrosi, e all'interpretazione dei sogni e
della coscienza. Il contributo piu significativo al pensiero moderno lo diede pero, come detto prima, elaborando il concetto di inconscio.
Durante il XIX secolo infatti dominava il Positivismo, che credeva nel potere degli individui di controllare razionalmente se stessi ed il mondo esterno. Freud stravolse questa idea: affermo che l'idea di controllo era soltanto un'illusione e che le nostre azioni spesso non hanno nulla a che fare con la nostra razionalita. Anzi, i pensieri si trovano nei vari strati della nostra mente e quindi, non essendo in superficie (livello cosciente), spesso non sono immediatamente disponibili, ma si trasmettono attraverso delle pulsioni istintive che formano la psiche inconscia. Ricordi, traumi infantili, sentimenti di paura e colpa vengono respinti dalla coscienza con il meccanismo della rimozione perche troppo dolorosi difficili da accettare moralmente.

La deformazione del tempo e memoria come ricordo: tesina di maturità

TEMPO DELLA VITA BERGSON

Tutto cio e alla base della nevrosi e di alcune malattie psichiatriche, ma si riflette anche nei comportamenti “normali”: molte scelte individuali e collettive sono determinate dagli oscuri meccanismi dell'irrazionalita e vengono “razionalizzate” dalle persone nel tentativo di dare delle spiegazioni.
Le scoperte e le elaborazioni di questi argomenti hanno avuto un grandissimo impatto sulla nostra civilta e hanno rappresentato un travolgimento ideologico negli anni del Novecento, riflettendosi nella filosofia, nella letteratura e nell'arte. Le opere di Freud e le sue teorie hanno influenzato scrittori ed artisti e si sono tramandate da Vienna a tutta l'Europa ponendosi al centro di nuove correnti (soprattutto quella del Surrealismo) e di un nuovo tipo di narrativa che tenta di indagare in maniera profonda la complessita dell'animo umano e la possibilita di inganno della coscienza. Le idee di Freud sono ancora oggi dibattute in ambito medico e anche letterario, filosofico e culturale: la psicanalisi in quanto teoria della mente e ancora accettata, ma l'efficacia
terapeutica e messa in discussione.

Bergson e il concetto di «tempo»
Oltre a Freud, ci fu un altro intellettuale che sviluppo delle nuove teorie in campo filosofico in materia di coscienza, realta, tempo.
Henri Bergson (1859-1941), francese, influenzo infatti notevolmente la filosofia del primo Novecento, nonche la cultura e la letteratura di quegli anni (si pensi a Proust e alla sua particolare concezione del tempo).