Tesina maturità sulla moda

Appunto inviato da sannachiara94
/5

Tesina maturità sulla moda che comprende i seguenti argomenti: D'Annunzio, Belle epoque, Wilde, Coco Chanel, il marchio e il marketing (16 pagine formato doc)

TESINA MATURITA' MODA

“La moda”.
Argomenti.
Premessa
ITALIANO: L’Estetismo di D’Annunzio
STORIA: La Belle Epoque
INGLESE: Oscar Wilde
FRANCESE: Coco Chanel
DIRITTO: Il marchio
ECONOMIA AZIENDALE: Il Marketing
BIBLIOGRAFIA

Rinascimento italiano: abbigliamento e moda

INTRODUZIONE TESINA MODA

Premessa.

Il mio lavoro ha come tema centrale e filo conduttore la moda poiché questa rientra tra i  miei interessi personali e le mie passioni.
Secondo me la moda rappresenta una parte del nostro essere e non un modo per apparire come pensano tante persone, per questo voglio mettere in luce  l’importanza che ha assunto nel corso della storia nonché gli elementi cui è strettamente connessa.
La nascita della moda come fenomeno di costume chiama  in causa tanti ambiti della vita associata; essa, infatti, ha determinato il gusto per l’apparire, tanto caro al nostro stile di vita votato alla ricerca del piacere e del Bello.
A tale proposito non può non venire in mente il legame che unisce la moda proprio al Decadentismo europeo, sviluppatosi tra la fine dell’800 e i primi del ‘900.

Gabriele D’Annunzio e Oscar Wilde, oltre che essere i massimi esponenti letterari di tale movimento, si possono considerare anche come “maestri di stile” per aver evidenziato un particolare e, a volte eccentrico ,gusto estetico. Come non prendere in considerazione il dandismo inglese, di cui Wilde fu un grande esponente, che fu da considerarsi una vera  e propria filosofia dell’eleganza, della raffinatezza e dell’originilità che legava l’Estetismo, ovvero il tentativo di trasformare la vita in un’opera d’arte, all’ abbigliamento stesso.

Moda e arte: tesina di maturità

TESINA MATURITA' SULLA MODA LICEO SCIENTIFICO

Il senso del Bello ha caratterizzato anche un periodo storico tra la fine'800 e gli inizi del '900 che, sviluppandosi per circa 40 anni, prende proprio il nome di Belle Epoque. Questo periodo  è segnato in Europa da un grande sviluppo economico dovuto per lo più alla cosiddetta “Rivoluzione Industriale”. Il benessere, diffusosi in larghi strati della popolazione borghese, aprì la strada anche alla  necessità di soddisfare le esigenze “estetiche” di masse sempre più crescenti di persone.

La moda degli anni sessanta: tesina di maturità

TESINA MATURITA' COCO CHANEL

Proprio in piena “Belle Epoque” si colloca Coco Chanel che è stata, né più e né meno, la creatrice del modello femminile del Novecento. La donna stava acquisendo un ruolo attivo nella società contemporanea: dunque una donna dinamica e che lavorava  non poteva essere più schiava dell’abbigliamento costrittivo tipico della Belle Epoque.
Coco Chanel, la geniale stilista francese che ha rivoluzionato il concetto di femminilità, non fu solo una grande artista, ma sopratutto una grande donna all’avanguardia per l’epoca in cui viveva, una donna imprenditrice di se stessa, e la prima a sfatare alcuni miti maschilisti, che riguardavano la figura femminile come l’introduzione del pantalone come capo d’abbigliamento per la donna, visto come un tabù agli inizi del Novecento. E’ proprio in questo periodo che Chanel è diventata il più importante personaggio nella moda anche grazie alla grande considerazione che aveva di se stessa, e ad uno spiccato senso della comunicazione. E proprio per queste sue caratteristiche aveva ben chiaro, che per avere successo sul mercato occorreva imporre una propria marca di prestigio caratterizzata da uno stile inconfondibile. Durante tutta la sua vita Chanel ha saputo presentarsi come la prima a proporre un’interpretazione moderna dell’eleganza femminile, sopratutto grazie al fatto che ha saputo dare di sé, indossando spesso i propri vestiti, un’immagine di donna vincente e sintonizzata con il bisogno collettivo d’emancipazione sociale manifestato dalle donne in quell’epoca.

Storia del costume: riassunto

TESINA SULLA MODA LICEO CLASSICO

Strettamente connesso alla moda è dunque  il marchio, ossia il segno distintivo dei prodotti, cioè dei beni o dei servizi offerti da un’impresa.
Il marchio “Made in Italy”,conosciuto e stimato in tutto il mondo e rappresentato da tanti case di moda come  ad esempio Armani, D&G  e Valentino, dà origine a  un grande fatturato  economico derivante dalle potenzialità imprenditoriali del settore tessile e manifatturiero. La competitività di un’impresa è legata, infatti, indissolubilmente al suo nome, ed è proprio con lo strumento del marchio che si garantisce la funzione d’identificazione dei prodotti o servizi di una data impresa.
Tra chi offre la moda e chi la riceve (il consumatore) s’instaura  così una stretta relazione. Nasce da ciò  la funzione del marketing  che è quella di tenere vivo  e produttivo questo rapporto supportandolo con politiche e strategie mirate. Il marketing, quindi, ha un ruolo determinante, ad esempio,  per mantenere l’importante posizione acquisita nel tempo dal marchio “Made in Italy”,nel mercato mondiale .
Da quel che è una mia semplice passione, nasce questo percorso di studio che spero metta in luce quanto ancora il settore della Moda possa offrire non solo al mercato economico, ma alla nostra cultura contemporanea.