Tesina maturità sul tempo e la memoria

Appunto inviato da votaantonio94
/5

Tesina di maturità sul tempo e la memoria: percorso multidisciplinare che discute la visione e il concetto di tempo in ambito filosofico, storico e nella letteratura latina, italiana e inglese (11 pagine formato doc)

TESINA MATURITA' SUL TEMPO E LA MEMORIA: COLLEGAMENTI

Il tempo.

La persistenza della memoria (conosciuto anche come Gli orologi molli) Salvador Dalí.
Indice. Il tempo. Latino: Seneca, De brevitate vitae - Epistulae ad Lucilium, Sant’Agostino, Le Confessioni; Filosofia e storia, Taylor (The Principles of Scientific Management), Ford, Karl Marx (Il Capitale); italiano, Svevo (La coscienza di Zeno), Pirandello (Il fu Mattia Pascal), inglese, James Joyce (Ulysses), Virginia Woolf (Mrs Dalloway). 

Tesina maturità sul tempo


INTRODUZIONE TESINA SUL TEMPO

INTRODUZIONE - Il tempo. Fin dagli inizi della storia dell’umanità, il tempo è stata una variabile che ha caratterizzato il pensiero dell’uomo.


Infatti, già dall’antichità le diverse civiltà hanno escogitato vari sistemi per misurare lo scorrere del tempo.
Per quanto riguarda invece il pensiero occidentale, i filosofi greci si sono interrogati per dare una definizione del tempo. Ad esempio è famoso il paradosso di Zenone che sostiene che la tartaruga arriva sempre prima di Achille poiché il tempo si divide in spazi infinitesimali. Platone, nel Timeo, individua il tempo come la variabile che distingue il modello (iperuranio) dalla copia, mentre Aristotele riferisce il tempo al movimento dei corpi. Un parametro importante della visione soggettiva dello scorrere del tempo è la sua qualità. A questo concetto fanno riferimento Seneca nelle sue opere, in particolare nel “ De brevitate vitae”, e Sant’Agostino.
Un altro paramentro legato al tempo, che ha assunto valore con la rivoluzione industriale fra il ‘700 e l’800, è stata la sua quantità: il tempo quantitativo come misura del lavoro.
Sempre a partire dall’800, ma ancor più nel ‘900, anche in letteratura il concetto di tempo, inteso come asse su cui si dispongono in modo ordinato i fatti comincia a mutare. Prima la narrativa aveva sempre conosciuto la possibilità di movimentare l’intreccio attraverso anticipazioni e flash-back; ma nel romanzo del novecento si ha un continuo spostarsi alla rinfusa nel tempo, che diviene così una dimensione puramente legata al soggetto. Vengono alternati i rapporti tra la durata effettiva degli eventi e la durata della narrazione: un evento piccolissimo, filtrato attraverso tutto ciò che passa nella coscienza degli individui, è in grado di dar vita ai ricordi.

Tesina maturità sul tempo e il suo valore


TESINA SULLA MEMORIA COME RICORDO

Questo è molto evidente nei romanzi di Italo Svevo, in particolare  nella “Coscienza di Zeno”, nel quale i ricordi del protagonista sono ordinati per gruppi tematici e non secondo l’ordine cronologico. Un altro esempio di negazione e superamento del concetto di narrazione nello spazio-tempo è rappresentato dall’ “Ulysses” di James Joyce.
LATINO
Seneca (De brevitate vitae - Epistulae ad Lucilium)
Seneca affronta il tema del tempo nel “De brevitate vitae”, in cui contesta l’affermazione secondo la quale la vita è troppo breve perché non è importante la durata ma l’uso che si fa del tempo vissuto.
Chi si lamenta della brevità della vita è stolto perché schiavo delle convenzioni.

Tesina sul tempo per la maturità


TESINA FUGACITA' DEL TEMPO

Per Seneca il passato è immutabile, il presente inafferrabile e il futuro incerto.
Scrive Seneca: “In tre fasi si divide la vita; ciò che fu, ciò che è, ciò che sarà (quod fuit, quod es , quod futurum est). Di queste, quella che viviamo è breve (his quod agimus breve est), quella che vivremo è dubbia (quod acturi sumus dubium), quella che vivemmo è sicura (quod egimus certum).
L’atteggiamento del saggio e del filosofo è l’unico corretto, poiché ha un buon rapporto con il passato perché ricorda le azioni virtuose ed arriva preparato alla morte, cioè alla fine del suo tempo.