Cos'è il turismo ecocompatibile: tesina

Appunto inviato da
/5

Tesina sul turismo ecocompatibile: definizione, legislazione turistica, il turismo in tedesco e Francese (5 pagine formato doc)

COS'E' IL TURISMO ECOCOMPATIBILE: TESINA

Turismo ecocompatibile.

Materie coinvolte nel percorso multidisciplinare:
Breve introduzione al turismo ecocompatibile:
Legislazione Turistica: Legge quadro sulle aree protette n. 394 del 6\dicembre 1991
Tedesco: Schwarzwald
Francese: Le tourisme vert
Introduzione: Quando partiamo difficilmente ci chiediamo se il nostro viaggio potrà influire sulle condizioni ambientali e socio-economiche del Paese che andremo a visitare; eppure l’impatto del turismo è tanto più sensibile quanto più il viaggio si realizza in Paesi dove la povertà è diffusa ed il potere decisionale dei cittadini basso. Con 450 milioni di persone in giro per il mondo ogni anno, non è possibile illudersi che un viaggio non abbia alcuna conseguenza sulla salute del Pianeta e dei suoi abitanti.
L’industria turistica si avvia a diventare la maggiore industria civile del mondo e il suo impatto sull’ambiente aumenterà se non verranno prese al più presto misure per limitarne i danni; dove le strutture ricettive sono ubicate in zone di elevata qualità ambientale in cui il turismo costituisce la principale attività economica, un’azione di riqualificazione e di adeguata pianificazione si tradurrebbe in benefici immediati ed evidenti sull’ambiente circostante.

Tipologie e definizione di turismo


DEFINIZIONE DI TURISMO

L’industria turistica risulta apparentemente di minor impatto sugli ecosistemi naturali, lo è rispetto all’industria chimica e petrolifera, ma bisogna tener conto di tutti i settori collegati al turismo:
Il traffico automobilistico porta all’inquinamento dell’aria e acustico;
Lo scarico delle acque di scolo porta all’inquinamento delle acque
La costruzione di edifici porta ad invadere spazi aperti o alla scomparsa di intere aree boschive
ecc…particolare importanza nel turismo riveste la legge quadro sulle aree protette n. 394 del 6 dicembre 1991.

Storia del turismo: riassunto


IL TURISMO IN ITALIA: LEGISLAZIONE TURISTICA

LEGISLAZIONE TURISTICA: Tale legge “detta principi fondamentali per l’istituzione e la gestione delle aree naturali protette, al fine di garantire e di promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale del Paese”. Essa pone in modo nuovo il problema della protezione ambientale; l'obiettivo di un parco non è infatti soltanto quello di istituire un vincolo a tutela delle bellezze naturali di una determinata area, ma anche di promuoverne lo sviluppo attraverso l'individuazione e l'incentivazione di attività compatibili con l'ambiente. La legge del 1991 è stata emanata con un ritardo di ben dodici anni: l'art. 83 del DPR n. 616 del 1977, trasferendo alle Regioni le funzioni amministrative in materia di riserve e di parchi naturali, stabiliva infatti che entro il 31 dicembre 1979 dovevano essere definite con una legge della Repubblica la disciplina generale e la ripartizione delle competenze tra Stato e Regioni. Il mancato rispetto di questo termine ha comportato una situazione di confusione e di incertezza nella quale molte Regioni hanno provveduto ad istituire e a regolamentare parchi e riserve naturali di carattere regionale, dando vita ad una normativa assai disomogenea. La legge quadro del 1991 (modificata dal D.P.R. n. 112 del 1998, art. 76-78) ha messo innanzi tutto ordine nella definizione e nella classificazione delle aree protette.