Tesina terza media: la guerra

Appunto inviato da nicocarrozzo
/5

Tesina di terza media sulla guerra che comprende i seguenti argomenti: Ungaretti e Quasimodo, Seconda guerra mondiale, bomba atomica, fissione nucleare, geografia e inglese su USA, musica americana, Les invalides, olimpiadi (20 pagine formato pdf)

TESINA TERZA MEDIA LA GUERRA

Tesina terza media - La guerra.

Introduzione. Introduzione. La guerra purtroppo ha un lato molto crudele, come le cause o quello che succede prima dello scontro tra due forze. Il termine "guerra" deriva dalla parola gwarra dell'alto tedesco antico, che significa "mischia", infatti e proprio una mischia tra tante potenze che creano una distruzione unica e sofferente. La guerra è preceduta da un periodo di tensione e anche un periodo di crisi.
Una guerra può nascere a causa di conflitti etnici, religiosi o culturali, per dispute di potere, e per molti altri motivi. Secondo me la guerra è un atto di forza che ha per scopo quello di costringere l‟avversario a sottomettersi alla nostra volontà. Le due forze si armano delle proprie invenzioni scientifiche per misurarsi con l‟avversario. Per raggiungere la vittoria occorre che il nemico sia posto nell‟impossibilità di difendersi. A me più che la guerra piace il ruolo del militare, andare e buttarsi nella mischia, rischiare la morte per difendere la propria patria. Questo lo fece un grande scrittore italiano…

Tesina di terza media sulla Prima guerra mondiale

TESINE TERZA MEDIA ORIGINALLI: GIUSEPPE UNGARETTI

Giuseppe Ungaretti
Giuseppe Ungaretti è un poeta dell‟Ermetismo. Questo movimento indica un tipo di poetica che sorge negli anni 20 e si sviluppa nel periodo delle due guerre. La definizione deriva dal critico letterario Francesco Flora che vuole sottolineare l‟oscurità e l‟indecifrabilità della nuova poesia. La poesia ermetica è una poesia pura, cioè libera. Il tema principale delle poesie è la solitudine disperata dell‟uomo. I poeti principali dell‟Ermetismo sono: Giuseppe Ungaretti, Eugenio Montale e Salvatore Quasimodo.
Giuseppe Ungaretti nasce ad Alessandria d‟Egitto nel 1888 da genitori toscani che lavoravano al canale di Suez. Nel 1912 si trasferisce a Parigi e studia alla Sorbona. Tornato in Italia, nel 1915 partecipa come volontario alla Grande Guerra. Alla fine del conflitto si trasferisce a Roma, dove in seguito aderisce al fascismo. Dal 1936 al 1942 insegna all‟università di San Paolo in Brasile, ma in questo periodo è segnato dalla morte del figlio di nove anni. Rientrato in Italia, dal 1947 insegna Letteratura all‟università di Roma e continua a comporre e a pubblicare poesie. Muore a Milano nel 1970. Tra le sue opere troviamo: Il porto sepolto e Allegria di naufraghi, che comprende testi scritti mentre era al fronte di guerra. Seguono delle raccolte di versi come Sentimento del tempo, Il dolore centrato sulla sofferenza della seconda guerra mondiale e la perdita dei familiari. Seguono: La terra promessa, Grido e paesaggi e Il taccuino dei vecchi. Nel 1969 tutta la produzione poetica di Ungaretti viene raccolta in Vita d’un uomo. Il tema dominante delle poesie di Ungaretti è la riflessione sulla sofferenza dell‟uomo. Ungaretti è conosciuto per un linguaggio povero ed essenziale fatto da versi brevissimi, ma, dove anche lo spazio bianco e la minima parola hanno un significato specifico.

Tesina di terza media sulla Seconda guerra mondiale

TESINE TERZA MEDIA PRONTE: SALVATORE QUASIMODO

Salvatore Quasimodo nasce a Modica, in provincia di Ragusa il 20 agosto 1901 e trascorre gli anni dell'infanzia in piccoli paesi della Sicilia seguendo il padre Gaetano, capostazione delle Ferrovie dello Stato. Dopo il tremendo terremoto del 1908 si trasferisce a Messina, dove il padre è chiamato per riorganizzare la locale stazione. Questa esperienza di dolore tragica e precoce lascerà un profondo segno nell'animo del poeta. Nella città dello Stretto Salvatore Quasimodo compie gli studi fino al conseguimento del diploma nel 1919. Appena diplomato in architettura Quasimodo lascia la Sicilia e si stabilisce a Roma. In questo periodo continua a scrivere versi e studia il latino e il greco. Nasce nel contesto messinese il primo nucleo di "Acque e terre". Nel 1929 si reca a Firenze dove il cognato Elio Vittorini lo introduce nell'ambiente di "Solaria", facendogli conoscere i suoi amici letterati. Proprio per le edizioni di "Solaria" esce nel 1930 "Acque e terre", il primo libro della storia poetica di Quasimodo. Nel 1932 Quasimodo vince il premio dell'Antico Fattore, e nello stesso anno esce "Oboe sommerso". Nel 1934 si trasferisce a Milano, città che segnerà una svolta particolarmente significativa nella sua vita, non solo artistica. Nel 1936 pubblica "Erato e Apòllion" con cui si conclude la fase ermetica della sua poesia, Nel 1938 esce la prima importante raccolta antologica „‟Poesie‟‟, Nel 1942 esce "Ed è subito sera"e nel 1941 gli viene concessa, per chiara fama, la cattedra di Letteratura Italiana presso il Conservatorio di musica "Giuseppe Verdi" di Milano.