Autostima: come si sviluppa e a cosa può portare

Appunto inviato da elogic
/5

Tesina maturità sull'analisi del termine "autostima" e della sua evoluzione ed influenza sulla sfera psico-sociale, con descrizione di alcuni disturbi psichiatrici cui può portare una bassa/alta autostima (13 pagine formato doc)

INDICE
1- Che aspetto ha l'autostima?
2- Coscienza di sé
3- Lo sviluppo del sé e dell'autostima: Freud
4- Lo sviluppo del sé e dell'autostima: Erikson
5- Lo sviluppo del sé e dell'autostima: Bowlby
6- Coscienza degli altri
7- Autostima e Disturbi Psichiatrici7a- Disturbo d'Ansia da separazione
7b- Disturbo di Condotta
7c- Disturbi dell' Umore
7d- Disturbi di Personalità
7d.1 personalità paranoide
7d.2 personalità ansioso-evitante
7d.3 personalità dipendente
7d.4 personalità istrionica
7d.5 personalità narcisistica
7d.6 personalità borderline
7d.7 personalità antisociale


8- Conclusioni
CHE ASPETTO HA L'AUTOSTIMA?
Gli studiosi definiscono l'autostima come ciò che deriva dal conflitto tra quel che si vorrebbe essere e quello che si crede di essere, o meglio tra ciò che vorremmo essere, che sentiamo di essere e l'immagine che gli altri ci trasmettono di noi stessi.
Fermiamoci un istante però a pensare: 
Che aspetto ha l'autostima? L'autostima non è solo conflitto interiore, ma un'insieme di manifestazioni fisiche: è avere lo sguardo brillante e vivace oppure triste e spento; il viso rilassato e con un colorito naturale, oppure pallido e affaticato, come se non si dormisse da tempo; è camminare a testa alta, con spalle erette ma rilassate, oppure camminare a testa china, con le spalle curvate in avanti; è avere una voce chiara e trasmettere sicurezza, oppure avere una voce simile ad un sibilo e cercare di nascondersi.


.