Cos'è la globalizzazione

Appunto inviato da dia91
/5

Tesina semplice e chiara che spiega il fenomeno della globalizzazione: definizione, aspetti positivi e negativi con opinioni personali (6 pagine formato doc)

COS'E' LA GLOBALIZZAZIONE

La globalizzazione.


Che cos’è la globalizzazione?
Globalizzazione” è una parola nuova. Deriva dall’aggettivo “globale”, che a sua volta deriva dal sostantivo “globo”. Il globo è quello terrestre.
Usiamo questa parola per indicare che nel nostro tempo accadono molti fatti economici, sociali e culturali che collegano e coinvolgono tutto il globo terrestre. La globalizzazione ha due aspetti. Il primo è che molte differenze fra paesi, popoli e costumi vanno scomparendo e i modi di vita si stanno, un po’ dappertutto, uniformando. Il secondo aspetto e che il mondo è diventato come un enorme meccanismo. Una rotella che si mette in moto in un punto e ne mette in moto tantissime altre, anche le più distanti. Un’azione compiuta in un luogo della terra ha ripercussioni quasi immediate in moltissimi altri luoghi del nostro pianeta.

Cos'è la globalizzazione: tesina di geografia

GLOBALIZZAZIONE: DEFINIZIONE SEMPLICE

Tutto (o quasi tutto) è prodotto dall’occidente
Sul planisfero osserviamo qual è l’area occupata dagli stai aderenti all’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. Notiamo che essa corrisponde a quella parte del mondo si indica con diversi nomi: paesi industrializzati (o sviluppati)- Primo mondo-nord del mondo-Occidente. Se un ipotetico turista volesse sapere quali sono le ditte che gli forniscono dappertutto quelle cose tanto simili fra loro, scoprirebbe che tutto quello che lo circonda gli è fornito da imprese che hanno sede principale e le agenzie più importanti nell’area occupa dai paesi dell’OCSE. Tutto, insomma, viene dall’ occidente.

Ricerca sulla Globalizzazione

COS'E' LA GLOBALIZZAZIONE ECONOMICA

La globalizzazione della cultura occidentale
Assieme ai consumi si affermano dappertutto le idee occidentali. La globalizzazione, infatti, non riguarda solo le merci che invadono i mercati, ma anche le abitudini e i modelli culturali dell’Occidente, che penetrano tra le popolazioni più remote. Il fenomeno è particolarmente visibile anche nelle grandi città e fra i giovani i quali, in quasi tutte le grandi città del mondo oltre a bere Coca-Cola e frequentare fast food, formano gruppi rock che si chiamano spesso con nomi inglesi, vestono jeans e imitano i comportamenti degli eroi degli sceneggiati e dei film hollywoodiani.

La globalizzazione: riassunto

ASPETTI POSITIVI E NEGATIVI DELLA GLOBALIZZAZIONE

L’occidentalizzazione suscita paure e contrasti
Oggi però in molti paesi, dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina, si va diffondendo il timore che l’affermarsi di costumi e idee occidentali porti alla graduale scomparsa di molte tradizioni culturali locali. Sta nascendo cioè, nei confronti dell’Occidente, un atteggiamento misto, di attrazione-rifiuto. Accanto alla voglia di appropriarsi e di godere della cultura occidentale, dei costumi e soprattutto delle sue tecnologie, cresce un’avversione, che è, in parte, il riconoscimento della dominazione coloniale, dell’arroganza - spesso del razzismo – dei “bianchi” e, in parte, la consapevolezza di appartenere a una grande cultura, non inferiore a quella europea o americana e tuttavia minacciata oggi dall’influenza di modelli occidentali.