ricerca DIFFERENZE FRA ORTODOSSI E CATTOLICI

Appunto inviato da mikyago
/5

Ricerca completa sulle differenze fra queste due religioni. (5 pagine formato doc)

ORTODOSSI e CATTOLICI ORTODOSSI e CATTOLICI differenze Sino a tutto l'8° secolo, la Chiesa professa ovunque la stessa fede ed è organizzata in cinque patriarcati: Gerusalemme, Antiochia, Alessandria, Costantinopoli, Roma.
Esiste un solo Stato: l'Impero romano, con un solo imperatore che risiede nella capitale, Costantinopoli, la Nuova Roma fondata nel 331 da san Costantino. Per sottrarsi al controllo dei barbari Longobardi che, da Pavia a Benevento, hanno invaso la penisola italiana, il papa di Roma Antica si rivolge ai barbari Franchi e il 25 dicembre dell'anno 800 incorona “imperatore romano” il re franco Carlomagno. E' la secessione, uno scisma politico: le barbare tribù dei Franchi entrano in concorrenza con l'Impero romano che, perciò, preferiscono chiamare `greco' o `bizantino'.
Il Papa, al momento, esercita la sua influenza solo su Francia, Germania e parte del Centro-Nord dell'Italia: è inevitabile la rapida franchizzazione delle Chiese dell'Occidente. Per quasi un millennio, tutti i Papi erano stati romani (proprio de Roma, oppure di Grecia, Siria, Sicilia e Grande Grecia): nel 996 il re germanico Ottone riesce a far eleggere suo nipote (Gregorio V), un principe austriaco, appena ventenne. Una continua “Riforma” allontana rapidamente la cristianità occidentale dalla comunione tra tutte le altre Chiese, per trasformarla in una Chiesa Nazionale (della Nazione, della Gente franca). L'antico canto romano, per esempio, è sostituito dalle mode musicali di Aachen (la città tedesca dov'è la reggia di Carlomagno), spacciate come antiche e falsamente attribuite a san Gregorio il Grande (Canto gregoriano); così è anche per gli usi liturgici franco-germanici, che soppiantano l'antico Rito romano-latino. Intanto, in Occidente non si capisce più il greco, la lingua della Sacra Scrittura e dei primi teologi, i Padri della Chiesa: l'imbarbarimento prosegue anche in campo teologico e nel 1245 (a Lyon, in Francia) il Papa di Roma Antica porta a compimento lo scisma, lo strappo dei Franco-cattolici da tutte le altre Chiese del mondo. Successive, continue, riforme portano sempre più lontano dalla Chiesa orto- dossa (da ortos e doxa: esatta fede) i cattolici, scomunicati sin dai tempi del patriarca di Nuova Roma Michele 1° Cerulario (1043\59). Per espandersi, i Franco-cattolici dapprima invadono l'attuale Italia Meridionale; con le Crociate creano poi loro principati in tutta la parte orientale dell'Impero. Appoggiandosi quindi alle Potenze commerciali (Venezia e le altre Repubbliche marinare) e militari (Francia, Spagna), il cattolicismo cresce numericamente, anche grazie alle scoperte geografiche e alla conseguente colonizzazione di Americhe, Filippine, Indie, ecc. Il potente Impero Austro-Ungarico e l'altrettanto Integralista Spagna costringono, infine, alcuni ortodossi a unirsi al Vaticano, pur conservando molte usanze della Chiesa ortodossa (Uniti sono, ad esempio, gli Albanesi che si stabilirono attorno Cosenza e Palermo quando