Tesina sulle fonti di energia

Appunto inviato da maraiannotta
/5

Tesina sulle fonti di energia rinnovabili e non rinnovabili e in particolare sull'energia nucleare (3 pagine formato doc)

TESINA SULLE FONTI DI ENERGIA

Scienze e Tecnica: tesina.

Le fonti di energia. Per compiere un lavoro occorre energia: questa energia si presenta in varie forme e l’uomo ha ideato e costruito macchine che consentono di utilizzare le differenti forme di energia per “produrre” lavoro.
Le fonti di energia per il lavoro sono distinte in due gruppi:
•    Le fonti non rinnovabili, come i combustibili fossili, sono destinate a esaurirsi in tempi più o meno brevi;
•    Le fonti rinnovabili, come l’energia solare, hanno invece una disponibilità illimitata, sono in pratica inesauribili.

Tesina sull'energie non rinnovabili


TESINA ENERGIA TERZA MEDIA

Le fonti non rinnovabili: i combustibili fossili
Carbone, petrolio e gas naturali sono le principali fonti di energia attualmente utilizzata dall’uomo per le sue attività. Tutti i combustibili fossili derivano dalla lenta decomposizione di resti di organismi viventi, animali e vegetali, avvenuta in tempi lunghissimi e in condizioni ambientali particolari.

Il carbone fossile è il prodotto di un lento processo di decomposizione e fossilizzazione di resti vegetali di enormi foreste rimaste sepolte 300-400 milioni di anni fa. Nel corso del tempo, i microrganismi decompongono la componente organica dei resti delle piante, che si arricchiscono così di carbonio, formando una roccia combustibile fossile: il carbone. Più il carbone è antico e più è ricco di carbonio. Il potere calorifico del carbone dipende proprio dal suo contenuto di carbonio.

Fonti di energia non rinnovabili: riassunto


TESINA SULL'ENERGIA RINNOVABILE

Il petrolio è un combustibile liquido oleoso, di colore nerastro, che origina da resti animali e vegetali sommersi dalle acque marine, sepolti sotto strati di sabbia e decomposti da batteri anaerobici. Sottoposti a forti pressioni e alte temperature , i resti organici si trasformano lentamente in petrolio, che si accumula in cavità sotterranee o in rocce porose, dette rocce magazzino. Il petrolio è una miscela di idrocarburi e viene estratto dai pozzi petroliferi mediante perforazione degli strati di roccia soprastanti. Dal petrolio derivano i più importanti combustibili liquidi, oli lubrificanti, il bitume, le materie prime per la produzione della plastica.
Il gas naturale è un combustibile fossile gassoso, costituito essenzialmente dal metano e da altri idrocarburi. Deriva dalla decomposizione di resti organici, animali e vegetali, operata dai batteri anaerobici. Si estrae dal sottosuolo mediante perforazione e pompaggio. L’energia termica, prodotta nella combustione del carbone, del petrolio e suoi derivati e del gas naturale, viene trasformata in energia elettrica nelle centrali termoelettriche.

Energie rinnovabili e non rinnovabili: tesina


ENERGIA NUCLEARE

L’energia nucleare. L’energia termica necessaria per la produzione di energia elettrica può essere ottenuta anche dal nucleo degli atomi. Ossia dallo sfruttamento dell’energia nucleare.
La principale fonte di energia nucleare è l’uranio, un elemento radioattivo che si estrae da giacimenti naturali. La liberazione dell’energia dal nucleo dell’atomo di uranio 235 si ottiene “bombardando” il nucleo con neutroni accelerati: si scatena così un reazione detta fissione nucleare. I neutroni che si liberano nella fissione possono bombardare altri atomi di uranio e innescare una reazione a catena che produce autonomamente enormi quantità di energia. Se non controllata, questa reazione può portare a un’esplosione nucleare, come avviene per la bomba atomica.