Sociologia dei processi culturali

Appunto inviato da piccopikky
/5

Riassunto del libro di Stefano Martelli sul mutamento sociale. Il Processo: designa una successione di fenomeni legati tra loro che conduce ad un risultato. (6 pagine formato doc)

SOCIOLOGIA DEI PROCESSO CULTURALI SOCIOLOGIA DEI PROCESSO CULTURALI PROCESSO: designa una successione di fenomeni legati tra loro che conduce ad un risultato.
PROGRESSO: il termine progresso era estraneo agli antichi che avevano una concezione decadente e ciclica della storia. Ma fu solo con l'idealismo tedesco che si iniziò a pensare ad una concezione progressiva della storia. Fu Hegel ha creare il mito del progresso secondo cui gli avvenimenti storici si svolgevano in un senso logico e cronologico verso un obiettivo determinato. Solo con la filosofia moderna si iniziò a parlare di progresso dell'umanità basato sull'accumulo di conoscenze, di avanzamenti nel campo delle condizioni materiali oppure morali dell'umanità che non esclude momenti di stasi o di parziale regresso. PARSONS: è il caposcuola dell'approccio struttural-funzionalista.
La sua teoria di cambiamento sociale si basa sul concetto di differenziazione sociale ed è legata alla crescita delle libertà individuali. Secondo Parsons esistono 3 tipi di differenziazione: DIFFERENZIAZIONE CULTURALE: Parsons utilizza la dicotomia particolarismo/universalismo per spiegare che nel passaggio dalla società tradizionale alla quella moderna gli individui vengono considerati non più in base ai loro caratteri particolari come l'appartenenza ad una famiglia, ma per i loro tratti universali come le proprie qualità; DIFFERENZIAZIONE STRUTTURALE: si riferisce al processo di autonomizzazione delle istituzioni sociali che si articola in 4 settori: Differenziazione del sistema economico; Differenziazione delle strutture politiche; Forme istituzionali; Integrazione sociale. DIFFERENZIAZIONE PSICOLOGICA: emergono strutture psicologiche più adatte all'esercizio della libertà. UNIVERSALE EVOLUTIVO: Parsons utilizza questo termine per indicare ogni sviluppo organizzativo che è abbastanza importante per promuovere l'evoluzione. Alcuni universali evolutivi sono: la tecnologia, la comunicazione, la religione, il denaro… ELIAS: per lui il mutamento sociale si basa sul processo di civilizzazione che si sviluppa combinando la creazione di strutture della personalità progressivamente più controllate e distaccate dalle emozioni con strutture della società progressivamente più differenziate e centralizzate. Una volta che i comportamenti più civili sono stati socialmente approvati, essi vengono trasmessi nella socializzazione dei nuovi nati come cosa ovvia. La sociologia di Elias è chiamata processuale, in quanto egli considera i processi sociali come i continuo mutamento e si oppone invece a quella sociologia che riduce i processi a situazioni di stabilità. MODELLO COLLANA: avvicina modelli e paradigmi diversi MODELLO SCALA: un livello di conoscenza superiore può essere raggiunto solo passando da un livello inferiore e questo prevede anche il regresso. TEORIE SUL MUTAMENTO SOCIALE TEORIE DELLA MODERNIZZAZIONE: cercano di individuare e decifrare quali sono i processi che consentono ad una società tradizionale di d