Tesina sul Cubismo analitico, sintetico e primitivo

Appunto inviato da maridf90
/5

Tesina di arte, utile per l'esame di terza media e per la maturità, sul Cubismo analitico, sintetico e primitivo e i suoi maggiori esponenti (Picasso e Braque) (2 pagine formato doc)

TESINA SUL CUBISMO ANALITICO, SINTETICO E PRIMITIVO

Cubismo.

Il Cubismo è un metodo pittorico nel quale il principio fondamentale è quello di rappresentare l’oggetto non nella sua apparenza, ma nella sua essenza.
Il Cubismo nacque nel 1906-1907 a Parigi, e secondo questo metodo pittorico la realtà doveva essere capita, si monta e si rismonta, l’oggetto, cioè, viene visto simultaneamente da tutti i punti di vista per cogliere la sua essenza e non solo la sua apparenza.
La realtà cubista comprende anche il fattore tempo (la 4° dimensione), una variabile che non era mai stata considerata prima da nessun artista.
Il pittore cubista si immagina di ruotare l’oggetto tra le mani o se si tratta di una figura umana, a girargli intorno; la visione non coglie più un solo aspetto, ma ne percepisce diverse successioni e poiché per poter assumere punti di vista diversi occorre muoversi e per muoversi occorre tempo, ecco la variabile tempo entra in pittura consentendo di rappresentare contemporaneamente momenti diversi di un medesimo oggetto.

Cubismo: riassunto breve


CUBISMO ANALITICO PICASSO

Possiamo dividere il cubismo in tre fasi:
Prima fase: Cubismo Primitivo: si sviluppa nel 1907; si scorgono temi ancora tradizionali come paesaggi, fruttiere, case, figure.
Seconda fase: Cubismo Analitico:  si sviluppa tra il 1909 e il 1912; gli oggetti vengono scomposti, tagliati attraverso la sovrapposizione di piani diversi che corrispondono ai punti di vista. Le linee sono spezzate, spigolose, quindi si ha la demolizione dell’oggetto.

La ricerca è tutta concentrata sulla struttura della forma, il colore perde importanza e diventa monocromatico (prevalgono i marroni, l’ocra, i grigi, il bianco e il nero); l’oggetto tende a fondersi con lo spazio circostante.
Si introduce il questa fase la 4°dimensione, si modificano i rapporti reciproci tra le parti di un oggetto: il fondo si rovescia sulla superficie, l’esterno e l’interno si compenetrano, lo spazio si modifica per presenza dell’oggetto.
I temi sono strumenti musicali, tavolini con oggetti posti sopra, ritratti, in cui si nota la dissezione e i pochi colori.

Il Cubismo e Pablo Picasso: riassunto


CUBISMO SINTENTICO PICASSO OPERE

Terza fase: Cubismo Sintetico: 1912-1914; l’oggetto dopo essere stato analizzato viene ricomposto secondo il principio della visione simultanea, ma senza tener conto della relazione dello spazio e del tempo.
Appaiono immagini semplificate e intuibili; spesso l’oggetto viene recuperato inserendo nel quadro fisicamente l’uso di materiali diversi (sughero, sabbia, carte da gioco, ecc…): questa è la tecnica del collage, cioè è un assemblaggio di materiali. Infine si reintroduce il colore.
Il Cubismo si diffuse in tutta Europa ed ebbe vari esponenti, tra i più importanti Picasso e Braque (fondatori del Cubismo: Picasso e Braque).
Nel 1918 Ozenfont e Le Corbusier pubblicarono un manifesto intitolato “Dopo il Cubismo” proclamando il ritorno alla forma classica: il Cubismo è ormai terminato.