La pop art: tesina

Appunto inviato da bambolilu88
/5

Pop art: tesina sulle origini e sviluppo, le tecniche e i contenuti, l'affermazione e la fine del movimento, i principali esponenti di cui Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Jasper Johns e George Segal (7 pagine formato doc)

LA POP ART: TESINA

La pop art.

Le origini e lo sviluppo. Il termine Pop, contrazione di Popular Art, fu coniato da artisti, critici e intellettuali inglesi come Richard Hamilton e Lawrence Alloway, negli anni seguenti alla seconda guerra mondiale, per fare riferimento a un’arte che è espressione della cultura popolare, la quale scaturisce dalla tradizione, dalla società e dall’immaginario collettivo.
La Pop Art nasce in Inghilterra nel ‘56 con la mostra “This is Tomorrow” allestita in una galleria a Londra, per poi svilupparsi soprattutto negli Stati Uniti d’America a partire dagli anni ’60, riprendendo con sfumature diverse il colorato e attraente linguaggio dei mass media. Nelle grandi metropoli si andava sempre più sviluppando una società dei consumi, sollecitata da un grande sviluppo industriale e dalla comunicazione di massa, all’interno della quale, la pubblicità dominava con i suoi manifesti e le sue luci colorate, che la rendevano vivace, allegra, e coinvolgente.

La pop art: tesina sulla nascita e diffusione del movimento

ESPONENTI POP ART

Le tematiche e il linguaggio della pop art trovano un precedente nel Neodadaismo, tendenza artistica affermatasi negli anni ’50 negli Stati Uniti, che ha in Robert Rauschenberg e in Jasper Johns i suoi principali esponenti.
Rauschenberg era noto per i suoi dipinti assemblati, in cui, oltre a immagini dipinte, comparivano svariati tipi di oggetti (animali impagliati, bottiglie, piccoli elettrodomestici); Jasper Jones aveva realizzato invece, numerose opere il cui solo soggetto è rappresentato dalla bandiera americana.

In entrambi i casi, dunque, gli artisti avevano utilizzato elementi  tratti dalla vita quotidiana.
Gli artisti della pop art estenderanno questo procedimento a tutti gli aspetti della cultura di massa, realizzando opere che riproducono con varie tecniche, sia bidimensionali che tridimensionali,  fumetti (Roy Lichtenstein),  oggetti d’uso comune e cibi vari (Claes Oldenburg), prodotti alimentari o divi del cinema (Andy Warhol), e ogni altro elemento caratteristico delle moderne società industriali.

Pop art e Andy Warhol: tesina

POP ART: TESINA MATURITA'

I procedimenti, le tecniche e i contenuti
Scaturita dalla società che per prima ha assunto come modello di vita l'universo tecnologico, la civiltà delle immagini e la cultura del consumismo, la Pop Art capovolge le strategie dell' Espressionismo astratto.
Invece di evadere dalla realtà, vi si immerge; anziché rifiutare gli oggetti, li utilizza riproponendoli con una evidenza mai vista prima. La stessa merce che il mercato e la pubblicità impongono diventa soggetto e oggetto dell'attività artistica.
Gli artisti introducono nelle loro opere oggetti di uso comune finti o veri, nuovi o da buttare, che a volte vengono ingigantiti, moltiplicati e deformati con evidente ironia.
Per cui il procedimento messo in atto dagli artisti fu quello di scegliere una delle tante immagini in circolazione per poi “ricrearla”. Gli oggetti utilizzati erano riprodotti fedelmente, anche se in scala diversa e con differenti materiali.
In questo modo gli artisti Pop spostano nella sfera “alta” e nobile della pittura colta, elementi bassi e “banali” derivati, o letteralmente copiati, dal mondo della pubblicità, della televisione, del fumetto.