Tesina maturità sul Fascismo e libertà

Appunto inviato da diablo123456789
/5

Tesina multidisciplinare per il liceo scientifico sul tema del fascismo e libertà che comprende i seguenti argomenti: D'Annunzio, Marinetti e il Futurismo, Gentile, Cesare e Cicerone (46 pagine formato doc)

TESINA MATURITA' SUL FASCISMO E LIBERTA'

La libertà, i suoi limiti e la sua negazione.

Nella vita ciascuno di noi compie delle scelte e deve assumersi delle responsabilità. Quanto più un uomo acquista un ruolo nella società, tanto più diviene responsabile di ciò che fa di fronte agli altri, che lo chiamano a rispondere delle sue azioni. Il nesso tra responsabilità e colpa è sentito dall’uomo come un imperativo che lo stimola a cercare regole di comportamento e indicazioni precise sul bene e sul male. La filosofia morale o etica si occupa di questo.
Uno dei suoi problemi più importanti, dalla cui soluzione dipende il fondamento dell’ agire morale, e la LIBERTÀ umana.

Tesina sul fascismo e lo stato italiano


TESINA SUL FASCISMO, COLLEGAMENTI

Il sistema politico che nel corso dei secoli si è fatto garante di tali principi è senza dubbio la democrazia. Essa si fonda sul potere del popolo e va di pari passo,in numerose società moderne, con la dottrina liberale. Alla base del pensiero liberal-democratico viene sentita lanecessità di garantire attraverso il diritto la libertà esteriore dell’uomo,definita dal contenuto delle norme giuridiche che hanno il compito di determinare e delimitare la stessa libertà. Nella storia le ideologie politiche del liberalismo, connesse a quelle democratiche, hanno trovato ampio spazio nei governi, soprattutto in qelli delle società più avanzate. L’interazione di due fattori, tecnologia e potere politico, ha messo in luce, in epoca relativamente recente, fenomeni non proprio coerenti con gli intenti democratici dichiarati. Tali effetti sono stati e sono tutt’ora oggetto di aspre critiche da parte degli intellettuali e non, che percepiscono dei limiti profondamente vincolanti nei sistemi istituzionali dei paesi moderni.

Tesina di maturità sul fascismo


TESINA SUL FASCISMO, COLLEGAMENTI MATURITA'

A tal proposito nel primo novecento iniziano a diffondersi le idee del neonato pensiero distopico volto a sottolineare i pericoli di una società futura (ma non così distante dal presente) completamente soggiogata dal potere di pochi, attraverso la tecnologia. In passato questa ideologia è stata preceduta da riflessioni utopiche che attraverso dscrizioni positive di possibili governi, perseguivano gli stessi scopi. Nei vari regimi, comunisti e fascisti si possono riconoscere tentativi di applicazione pratica di queste estremizzazioni teoriche. Queste forme di totalitarismo negano in maniera assoluta ogni tipo di libertà individuale e collettiva ritenendo che solo pochi possono essere in grado di guidare uno stato verso un’utopico perfezionamento economico e sociale.

Il Fascismo: riassunto per tesina


RIASSUNTO FASCISMO PER TESINA

Introduzione. “….se la libertà dev'essere l'attributo dell'uomo reale, e non di quell'astratto fantoccio a cui pensava il liberalismo individualistico, il fascismo è per la libertà. E' per la sola libertà che possa essere una cosa seria, la libertà dello Stato e dell'individuo nello Stato. Giacché, per il fascista, tutto è nello Stato, e nulla di umano o spirituale esiste, e tanto meno ha valore, fuori dello Stato. In tal senso il fascismo è totalitario, e lo Stato fascista, sintesi e unità di ogni valore, interpreta, sviluppa e potenzia tutta la vita del popolo.”
Queste sono le dichiarazioni di Benito Mussolini nel documento, la Dottrina del Fascismo, redatto insieme al filosofo Gentile, che sta alla base di tutta l’ideologia fascista.
Da qui si può evincere il concetto di libertà attribuito dal fascismo : la libertà esiste solo nello stato, dato che lo stato è tutto, non esiste niente al di fuori dello stato (“Tutto nello stato, niente al di fuori dello stato, niente contro lo stato”).
Concetto che riprenderò in seguito trattando sia il rapporto cittadino/stato sia la teoria dell’educazione enunciati da Giovanni Gentile, seguendo o cercando di seguire i dettami dell’Idealismo hegeliano.