Cause della Rivoluzione Industriale: tesina

Appunto inviato da mjair23
/5

Cause e conseguenze della Rivoluzione industriale: tesina di storia (19 pagine formato doc)

CAUSE RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: TESINA

La Rivoluzione Industriale.

Rivoluzione e significato: Il termine “rivoluzione” è l’unico termine appropriato per indicare la trasformazione produttiva che iniziò in Inghilterra alla fine del ‘700, perché essa determinò una trasformazione profonda  dei rapporti di classe, della cultura, della politica, delle condizioni generali di vita, e coinvolse direttamente o indirettamente tutta l’umanità.
Dove? La rivoluzione industriale è un processo di lungo periodo e di dimensioni tendenzialmente mondiali: iniziato negli ultimi decenni del ‘700 in Inghilterra, esso si è successivamente dilatato all’Europa centro –occidentale (Belgio, Francia, Germania), agli Stati Uniti, al Giappone, all’Europa orientale e meridionale (Russia, Italia), ed è tuttora in corso di svolgimento nei paesi in via di sviluppo.
Chi? In Inghilterra il rinnovamento tecnologico si iniziò nel campo dell’industria tessile nel 1733 quando John Kay inventò la cosiddetta “spoletta automatica o volante” . Ad essa seguirono altre invenzioni, come la filatrice meccanica o giannetta del tessitore James Hargreaves (1754) e la water-frame (telaio ad acqua) di Richard Arkwright (1768).
Ma il balzo decisivo fu compiuto dallo scozzese James Watt che intorno al 1780 applicò all’industria tessile la macchina a vapore, costruita nel 1712 da Thomas Newcomen.

Cause della Rivoluzione industriale in Inghilterra: riassunto

CAUSE E CONSEGUENZE DELLA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Quando? La rivoluzione industriale iniziò nel secolo XVIII – XIX, in Inghilterra, più precisamente tra il 1760 e il 1815. L’Inghilterra non era né il più ricco né il più popolato paese dell’Europa,una serie di fattori misero le basi di uno sviluppo industriale. Nei decenni centrali dell’800 la Gran Bretagna era ormai un paese caratterizzato dalla forza espansiva del suo solido settore industriale, con un vantaggio su tutti gli altri Stati che sarebbe rimasto inalterato fino all’inizio del ‘900.
Perché? Una delle ragioni per le quali l’Inghilterra fu la nazione primogenita dell’industria fu la superiorità dei suoi tecnici nel corso del secolo XVIII: una superiorità cosi netta che, persino dopo l’invenzione e l’adozione delle prime macchine per filare e per tessere, occorsero parecchi decenni perché all’estero si imparasse a ricostruirle, e spesso le copie stesse furono realizzate mediante il contributo di tecnici inglesi.

Rivoluzione industriale: riassunto

RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: TESINA

La Rivoluzione Industriale
Alla fine del ‘700 prende inizio in Inghilterra una trasformazione dei metodi di produzione che, per le sue conseguenze economiche, sociali, politiche e culturali, ha avuto un’importanza decisiva nel determinare le condizioni di vita dell’umanità e che viene giustamente definita “Rivoluzione Industriale”.
Il termine rivoluzione è appropriato perché questa trasformazione produttiva ha modificato profondamente i costumi, i rapporti di classe, la cultura, la politica, insomma le condizioni generali di vita dei popoli.