Gioacchino Rossini: tesina

Appunto inviato da dia91
/5

Gioacchino Rossini: tesina sulla vita e composizioni (Il barbiere di Siviglia, La cenerentola) di questo importante musicista e compositore italiano che ha segnato il corso della storia della musica (3 pagine formato doc)

GIOACCHINO ROSSINI: TESINA

Gioacchino Rossini, tesina.

Gioacchino Antonio Rossini (Pesaro 29 febbraio 1792 - Parigi 13 novembre 1868), è stato uno tra i più grandi compositori del XIX secolo. La prima parte della sua vita fu come uno dei suoi celeberrimi, travolgenti crescendo (compose la prima opera all'età di quattordici anni); poi - come per iniziare una seconda esistenza - vennero il precoce ed improvviso abbandono del teatro, la depressione e il ritiro nella pace della campagna parigina di Passy. Con molte pagine di musica ancora da scrivere.

Gioacchino Rossini: tesina


GIOACCHINO ROSSINI: COMPOSIZIONI

Due grandi, per un cambio di "testimone".

Nato tre mesi dopo la morte di Wolfgang Amadeus Mozart, il Cigno di Pesaro - come fu definito - impresse al melodramma uno stile destinato a far epoca e del quale chiunque, dopo di lui, avrebbe dovuto tener conto; musicò decine di opere liriche senza limite di genere, dalle farse alle commedie, dalle tragedie alle opere serie e semiserie.
La sua famiglia era di semplici origini: il padre - detto Vivazza, fervente sostenitore della Rivoluzione francese, era originario di Lugo e suonava per professione nella banda cittadina e nelle orchestre locali che appoggiavano le truppe francesi d'occupazione; la madre, Anna Guidarini, era nata ad Urbino ed era una cantante di discreta bravura.
Così il giovane Gioachino trascorre gli anni della giovinezza o presso la nonna o in viaggio fra Ravenna, Ferrara e Bologna dove il padre era riparato nel tentativo di sfuggire alla cattura dopo il restauro del governo pontificio. Ed è proprio a Bologna che si avvicina alla musica ed in particolare allo studio del canto (fu contralto e cantore all'Accademia filarmonica) e della spinetta presso Giuseppe Prinetti, suo primo maestro.
È il 1800 e Rossini ha otto anni; a quattordici (1806), si iscrive al Liceo musicale bolognese, studia intensamente composizione appassionandosi alle pagine di Haydn e di Mozart (è in questo periodo che si guadagna l'appellativo di tedeschino) e scrive la sua prima opera (Demetrio e Polibio, che sarà rappresentata però solo nel 1812). Conosce Isabella Colbran, cantante lirica, maggiore di età, che sposerà anni dopo e da cui si separarerà intorno al 1830.

Gioacchino Rossini: biografia, opere e teatro


GIOACCHINO ROSSINI: MELODRAMMA

Viaggio nel melodramma. A neanche vent'anni tre sue opere sono già state rappresentate e la quota, un anno dopo, salirà a dieci. L'esordio ufficiale sulle scene era avvenuto nel 1810 al Teatro San Moisé di Venezia con La cambiale di matrimonio. Il lungo viaggio nel melodramma era iniziato.
Rossini ha composto opere per i maggiori teatri italiani ed europei. Il Guglielmo Tell - rappresentato a Parigi il 3 agosto 1829 con il titolo di Guillaume Tell - sarà l'ultima sua opera.
Sei movimenti del suo Stabat Mater furono scritti nel 1832 e il resto fu completato nel 1839, anno della morte del padre. Il successo di quest'opera regge il confronto con i risultati ottenuti nell'opera lirica; ma è il silenzio comparativo che va dal periodo dal 1832 alla sua morte avvenuta nel 1868 che rende la sua biografia simile alla narrazione di due vite diverse — la vita del trionfo veloce ed immediato, e la lunga vita di isolamento, nella quale i biografi raffigurano il compositore.