Tesina sull'Imperialismo

Appunto inviato da eman19
/5

Tesina sull'Imperialismo: colonie di popolamento e di sfruttamento, colonialismo, la colonizzazione dell'Africa e l'imperialismo americano (6 pagine formato doc)

TESINA SULL'IMPERIALISMO

Il mondo nell'età dell'imperialismo.

Colonie di popolamento e di sfruttamento
Tra il 1870 e il 1914 si affermò, tra le nazioni più potenti, la spinta a conquistare colonie in altri paesi. Non era una tendenza nuova, nella storia: anche nell'antichità (da parte di Fenici, Greci, Romani) e nel 1500-1600 (da parte di Spagna, Portogallo, Olanda, Inghilterra, Francia) ci fu la creazione e la conquista di colonie.
Si possono distinguere le colonie che furono create nel corso dei secoli in due tipi. Da un lato le colonie di popolamento: territori dei quali gli europei si impossessavano per insediarvisi, per abitarvi stabilmente e in massa.
In tal caso la popolazione esistente veniva combattuta, costretta a cedere le terre, talvolta sterminata.

Tesina sull'imperialismo e colonialismo


TESINA IMPERIALISMO, TERZA MEDIA

Appartengono a questo tipo le colonie fondate nell'antichità da Fenici, Greci e Romani; le tredici colonie che poi costituirono il primo nucleo degli Stati Uniti; il Canada, l'Australia e la Nuova Zelanda. L’altro tipo erano le colonie di sfruttamento: esse servivano non a dare casa, terra e possibilità di lavoro ai coloni, ma a rifornire la madrepatria di materie prime e ricchezze delle quali non disponeva. In questi casi la popolazione indigena non veniva scacciata dalle proprie terre, ma fatta lavorare a beneficio dei colonizzatori nelle piantagioni o nelle miniere. Tali furono le colonie spagnole e portoghesi in America, quelle olandesi in Asia, quelle portoghesi in Africa. E furono di questo tipo la maggior parte delle colonie conquistate dai paesi europei nella seconda metà dell'Ottocento.

L'imperialismo: riassunto


TESINA SU IMPERIALISMO E COLONIALISMO

Colonialismo e imperialismo - La politica che mirava alla conquista di colonie è stata chiamata genericamente colonialismo. Nei secoli precedenti, la conquista e la colonizzazione erano state realizzate prevalentemente da avventurieri, o da gruppi di emigranti, come quelli che inizialmente popolarono l'America del Nord o l'Australia. Invece nella seconda metà dell'Ottocento la politica coloniale venne organizzata e condotta direttamente dagli Stati, che impegnavano le proprie truppe e i propri armamenti, o talvolta da grandi compagnie private, appoggiate dai governi: il colonialismo fu quindi un aspetto della politica estera e militare delle grandi potenze.
Tale politica fu definita anche imperialismo, perché il suo scopo era quello di costituire dei veri e propri imperi, anche economici, organizzati in modo che le colonie fornissero materie prime abbondanti e a basso costo alle industrie dello Stato dominante. Tali industrie, a loro volta, avrebbero potuto beneficiarne per mantenere basso il prezzo dei loro prodotti finiti e così diffonderli conquistando i mercati mondiali.

Tesina sul colonialismo


TESINA DI STORIA DELL'IMPERIALISMO

I tanti perchè del colonialismo. Quelle sopra descritte furono le vere ragioni di fondo, economiche e politiche, dell'espansione coloniale delle grandi potenze. Vi furono tuttavia anche altre motivazioni assai sentite dall'opinione pubblica. Certamente esse servirono spesso come propaganda, ma molta gente comune vi credette con sincerità e anche molti governanti e politici le tennero in considerazione, almeno per aumentare la propria popolarità.
Uno di questi motivi fu sicuramente il prestigio nazionale. Si riteneva comunemente, infatti, che una grande potenza non fosse tale se non affermava la propria superiorità attraverso la creazione di un impero coloniale.