Arabi in Sicilia: tesina

Appunto inviato da miticaselvyk
/5

Arabi in Sicilia: tesina sull'influenza islamica nell'architettura, nella pittura, nella ceramica, nella decorazione, nella gastronomia e nella lingua (18 pagine formato doc)

ARABI IN SICILIA: TESINA

Arabi in Sicilia, regione d'Italia.

Insieme a al-Idrisi, a Ibn Giubair e a molti altri poeti e viaggiatori del tempo, ibn Hamdis conferma l'immagine poetica della Sicilia -giardino. Ovvero di una terra che gli arabi, in più di due secoli di dominazione, trasformarono in luogo di grande civiltà e bellezza. La Sicilia, nella sua storia millenaria, è stata  conquistata decine di volte e da popoli diversi. Quasi tutti hanno tolto senza dare.
Gli arabi, invece, hanno tolto ma hanno anche dato. L'agricoltura, il commercio, l'arte, la cultura ebbero un grande sviluppo. L'influenza islamica nell'architettura, nella pittura, nella ceramica, nella decorazione, nella gastronomia e nella lingua fu massiccia.  Nella vita quotidiana i costumi arabi si diffusero rapidamente. I nuovi quartieri delle città s'ispiravano allo stile moresco: ampie case bianche con piccole finestre.

Tesina maturità sulla Sicilia


ARCHITETTURA ARABA IN SICILIA

A tavola si teneva molto alle buone maniere: mangiavano a piccoli bocconi, non usavano gli stuzzicadenti.  Il gentiluomo arabo si lavava e si profumava ogni giorno, si vestiva elegantemente e non portava pantaloni rattoppati. I passatempi preferiti erano la lotta dei galli, gli scacchi e la caccia. Tra il popolo erano diffusi il gioco dei dadi e quello della tavola reale.
Dal punto di vista religioso la Sicilia occidentale fu islamizzata quasi al 50 per cento. I cristiani erano tollerati e generalmente protetti, ma erano nella condizione di dhimmi (essa comportava il pagamento di una tassa da parte dei viventi aderenti a una religione rivelata sotto la protezione dell'autorità musulmana). Palermo (divenuta capitale della Sicilia araba) alla fine del X secolo contava 300.000 abitanti, tanto da essere una delle più belle e popolate città d'Europa; vi sorsero numerose scuole dove si insegnavano la sfericità della terra e i punti cardinali, conoscenze mediche e filosofiche, astrologiche e scientifiche.

Tesina sulla Sicilia


MONUMENTI ARABI IN SICILIA

Quando questa cultura, insieme ai modelli architettonici, si incontrò (dopo il mille) con quella normanna, nacque la più alta civiltà del medioevo europeo. Con queste parole Ibn ldrisi descrive la Sicilia (siamo agli inizi del XII secolo): " abbonda di alberi da frutta ed è dotata di edifici e luoghi di delizie talmente sontuosi da disorientare chi si accinga a descriverli e abbagliare le menti degli intenditori: a dirla in una parola sono una vera seduzione per chi...i ammira”. Anche nell'agricoltura gli arabi portarono tante innovazioni: si perfezionarono i sistemi di raccolta delle acque con le irrigazioni delle huertas (come quella della "conca d'oro" nei dintorni di Palermo) e si diffusero i mulini ad acqua.

Musica araba: riassunto e caratteristiche


TRADIZIONI ARABE IN SICILIA

La coltura intensiva di nuovi prodotti (le arance amare, i limoni, la pesca, l'albicocca, il pistacchio, il riso, la canna da zucchero, la cipolla, il carciofo, gli asparagi, il cotone, il papiro, il carrubo, le melanzane) prese il sopravvento sulla pastorizia.
Non a caso con gli arabi iniziò lo spezzettamento del latifondo e nacquero i piccoli centri di popolazione rurale. Gli arabi, quindi, produssero una vera e propria rivoluzione nelle abitudini alimentari dei siciliani e loro si devono alcuni piatti: il sorbetto (sharbat), la cassata siciliana (dall'arabo quas'at, torta di cacio), il couscous ecc. L'influenza linguistica araba continuò anche
dopo la fine della dominazione e numerosi sono oggi gli arabismi presenti nel dialetto siciliano o nei toponimi delle città: summaccu, carrubbo, giummarra (piante), milinciana (melanzana), zagara (fiore d'arancio),gebbia (vasca), cafisu (unità di misura), cantaru (100 kg.), tumulu e munneddu (unità di misura), bascula (bilancia); Caltanissetta (Qal'at-Nissa), Marsala, (Marsa-Allah), Mazara del Vallo (Mazzar), Palermo (Balarmer), Rometta (Rarnth), Caltabellotta (Qal'at el Bellut) ecc.