La cultura della Cina: tesina

Appunto inviato da excali
/5

Panorama sulla cultura e il pensiero cinese, usi e costumi della Cina, la situazione storica da Mao ad oggi, caratteristiche base della popolazione cinese, la famiglia cinese e le festività (15 pagine formato doc)

CULTURA DELLA CINA: TESINA

1.

Introduzione. La Cina non è un paese, è un mondo differente, che racchiude una notevolissima varietà di panorami ed ha una storia che si estende nell'arco di più di cinquemila anni. Racchiude una notevolissima varietà di panorami: si va dai quasi 9.000 metri dell'Everest alla depressione di -154 metri dell'oasi di Turfan nel Xinjiang. Il territorio si può immaginare come una scalinata composta da 3 gradini, il più alto dei quali é a Ovest ed é rappresentato dall'altopiano del Qinghai-Tibet.Ha una storia che si estende nell'arco di più di cinquemila anni ed è uno dei paesi di più antica civiltà. Il suo estesissimo territorio è ricco di ameni paesaggi, di monumenti archeologici di inestimabile valore artistico, di palazzi reali, giardini rigogliosi e sepolcri monumentali, testimonianze delle grandiose dinastie che hanno regnato su questo territorio dagli orizzonti lontani.

Tesina sulla Cina: territorio, economia e popolazione


CINA: CULTURA E TRADIZIONI

La sua popolazione, incrocio di diverse etnie con i suoi costumi e le sue tradizioni, ne fa una meta di grande fascino per ogni viaggiatore.

Ripensiamo ai tempi di Marco Polo per seguire i 7000 km della Via della Seta, ripercorrendo un'antica storia di oltre duemila anni. . Lungo questa strada si trovano numerosi monumenti storici e il paesaggio naturale è affascinante e pittoresco: l'Esercito di Terracotta, considerato l'Ottava Meraviglia del Mondo, schierato a guardia della tomba del primo imperatore della Cina; le grotte Mogao, conosciute anche come il “tesoro dell'arte orientale” o le “Grotte dei Diecimila Buddha”; l'antico stato di Loulan, nel deserto; le Montagne Fiammeggianti, che sotto la luce calda del sole sembrano lingue di fuoco; la Valle dell'Uva a Turpan dove si trova la famosa uva senza semi; l'Isola degli Uccelli sul lago Qinghai, il più grande della Cina.

La Cina: riassunto di geografia


USI E COSTUMI CINESI

La regione del Tibet ospita il famoso Potala, nella città di Lhasa, edificio costruito ad una delle più alte latitudini del mondo dove vivevano i Dalai Lama: palazzo reale, tempio, fortezza e monastero, con la sua lunga storia, gli inestimabili capolavori d'arte ed i suoi ricchi tesori, è il simbolo dell'arte architettonica e della prospera cultura tibetana.E che dire della Grande Muraglia Cinese, lunga 6000 km. Essa è infatti l'unica opera umana visibile dallo spazio. Fu tenuta in buono stato fino al'500. Anche altre città sprigionano un fascino misterioso: Pechino, Shangai, Hong Kong. Ogni angolo della Cina racconta millenni di storia, per visitarla tutta occorrerebbero dei mesi ma non basterebbero comunque. Se pensiamo alla cultura della Cina, il nostro pensiero va immediatamente ad antichi pensatori come Confucio e Lao tzu, immaginando che la cultura cinese sia rimasta immobile per migliaia di anni, come se essa non avesse avuto "storia". la Cina ha avuto una storia culturale e filosofica ricca almeno quanto quella dell'Occidente.

Descrizione generale della Cina


TRADIZIONI CINESI ANTICHE

Fino al 1800 i Cinesi ritennero che la loro non fosse " una civiltà ma "la civiltà ": essi non avevano un termine per indicare il loro paese ma lo definivano il "centro". Quando cominciarono ad avere rapporti con gli occidentali li definirono barbari come gli altri popoli stranieri. Riconoscevano che alcune loro scoperte tecniche e scientifiche fossero interessanti, che era anche utile avere qualche commercio, perfino apprezzavano alcune idee ma sostanzialmente li consideravano sempre dei "barbari". Ciò che scosse questa granitica, millenaria certezza della propria superiorità civile fu la "guerra dell'oppio" nel1 1842. Fu allora evidente e innegabile la supremazia europea che per i 50 anni seguenti li umiliò continuamente : realizzarono allora che la Cina era incapace di opporsi ai barbari venuti dall'occidente, che essi avevano effettivamente una civiltà più avanzata.