La famiglia Tudor: tesina di storia

Appunto inviato da yayaancona86
/5

La dinastia dei Tudor da Enrico VII fino a Edoardo VI. Tesina sulla storia della famiglia Tudor (5 pagine formato doc)

LA FAMIGLIA TUDOR: TESINA DI STORIA

L'epoca Tudor.

Nei cento anni tra la metà del quattordicesimo e la metà del quindicesimo secolo, gli inglesi dovettero affrontare una forte diminuzione della popolazione dovuta alla “morte nera”, una prolungata stagnazione economica e le sporadiche esplosioni della guerra dei Cent'anni contro la Francia.
Il quadro comunque non era completamente nero in quanto quegli stessi anni videro la scomparsa pressoché totale dello stato servile, una certa prosperità fra i membri delle classi inferiori e una fioritura della vita universitaria; né vi fu alcun declino dello slancio artistico della nazione.
Ma il graduale svilupparsi di una nuova stabilità nella seconda metà del quindicesimo secolo fu ben accolto da tutto il paese.
I Tudor, vincitori della lotta dinastica che avvenne attraverso la Guerra delle due Rose, furono eredi di questa situazione.Essi svilupparono ulteriormente la stabilizzazione iniziata sotto gli ultimi re della casa di York e portarono la nazione in salvo attraverso la Riforma, la Controriforma e la minaccia di un’invasione spagnola.
La politica Tudor, sebbene fosse ideologicamente assolutistica e spesso dura e corrotta nella pratica, coincise nelle grandi linee con le aspirazioni più profonde degli inglesi sino quasi alla fine del sedicesimo secolo.

The Tudor period: riassunto in inglese


FAMIGLIA TUDOR STORIA

Enrico VII. Enrico VII fu ligio me tenace, astuto e prudente in materia finanziaria tanto da apparire addirittura avaro.
Il primo re Tudor dovette dedicarsi non solo al compito di restaurare la monarchia ma anche a quello di guardarsi le spalle dall’attivissima cospirazione yorkista.
Il suo fiore all’occhiello fu la capacità di imporre il rispetto degli obblighi politici e finanziari verso la Corona, oltre che della legge e dell’ordine.


Enrico VIII. Enrico VIII succedette al padre all’età di 18 anni perché suo fratello maggiore, Arturo, era morto nel 1502.Cedendo alle pressioni della nonna (Margherita Beaufort) iniziò il suo regno sposando la vedova del defunto fratello, Caterina d’Aragona.
Questo sovrano era senza dubbio un re affascinante, pericoloso e profondamente corrotto. L’egoismo e l’ipocrisia derivano dalla combinazione di una mente relativamente agile, ma non troppo brillante, e di un radicato complesso d’inferiorità, frutto del trattamento riservato da Enrico VII al suo secondogenito.
Il primo dei Tudor n’aveva, infatti, scarsa opinione; alla morte d’Arturo, infatti, non gli aveva assegnato altro che il titolo di principe del Galles, segno inequivocabile di sfiducia.

The Tudors: riassunto in inglese


DINASTIE INGLESI TUDOR

Enrico VIII intendeva quindi riscattarsi, attribuendo alle parole rex imperator un significato che neppure gli imperatori romani si sarebbero sognati di dar loro. E, bramoso di conquiste, avrebbe voluto conquistare la corona francese ma il suo primo ministro Wolsey riuscì sempre ad evitare guerre.
A differenza del padre riteneva lo scrivere noioso e penoso; preferiva la caccia, la danza, la bella vita… Nei momenti migliori si dedicava all’astronomia e alla teologia.
Durante il suo regno iniziarono a diffondersi le idee luterane, che giunsero persino alla casa reale tramite Anna Bolena e la cerchia dei suoi intimi.nella sua qualità di legato Wolsey fece com’è ovvio del suo meglio per bloccare la diffusione del protestantesimo, ma senza troppo successo.

Approfondisci: Tutto sul Medioevo