I filosofi della natura: tesina

Appunto inviato da dia91
/5

Tesina sui filosofi della natura, quali: Talete, Anassimandro, Anassimene, Democrito e Platone (3 pagine formato doc)

I FILOSOFI DELLA NATURA: TESINA

Tesina sui filosofi della natura.

La filosofia occidentale deriva da quella greca Filosofia deriva dal greco, phìlos = amore , sophia = sapienza, significa quindi amore per la sapienza . I filosofi sono persone colte e sapienti, che cercano di rispondere alle domande che gli uomini si pongono nella vita. I primi filosofi sono detti “ della natura ” perché si interrogavano su quale fosse l’ origine di tutte le cose.
Talete. Talete (624-545 a.C.
) iniziatore della filosofia della natura, dice che il principio è l'acqua (per questo afferma che la terra galleggia sull'acqua), desumendo indubbiamente questa sua convinzione dalla costatazione che il nutrimento di tutte le cose è umido, e che perfino il caldo si genera dall'umido e vive dell'umido. Ora, ciò che da cui tutte le cose si generano è, appunto, il principio di tutto. Egli desunse dunque questa convinzione da ciò e inoltre dal fatto che i semi di tutte le cose hanno una natura umida, e l'acqua è il principio della natura delle cose umide.

Filosofia della natura: riassunto

NATURA FILOSOFIA GRECA: ANASSIMANDRO

Anassimandro. Anassimandro (circa 610-550 a.C.),  discepolo di Talete (l'unico probabilmente), criticò l'ipotesi del maestro sostenendo che una cosa specifica, determinata, come appunto è l'acqua, non può costituire il fondamento di tutte le singole cose. Egli pensò allora che dovesse trattarsi di una sostanza sconosciuta, non identificabile con alcuno degli elementi esistenti in natura. Ad essa diede il nome di àpeiron: parola che letteralmente significa non-limitato (in senso spazio-temporale) e non-determinato (in senso qualitativo). Con questa scelta egli voleva suggerire che ciò da cui tutto viene creato dev'essere diverso da tutto ciò che è creato, e quindi non può coincidere con una sostanza individuabile in natura. Insomma, dall'àpeiron tutto proviene e ad esso ogni cosa ritorna. Può darsi che questa teoria eserciti un suo fascino, finché non si realizza che è semplicemente priva di senso. Eppure gli studiosi sostengono che l'originalità della risposta di Anassimandro, rispetto a quella di Talete consiste in una superiore capacità di astrazione. In ciò egli ha nettamente surclassato il maestro.

Filosofia della natura di Hegel: riassunto

CHI SONO I FILOSOFI DELLA NATURA: ANASSIMENE

Anassimene. Anassimene di Mileto (c irca 580-520 a.C.), a sua volta amico e discepolo di Anassimandro, si gettò coraggiosamente in un'altra direzione, affermando che arché di tutte le cose è l'aria... "Ma - chiederete voi - in questo modo non si ha come un ritorno a Talete?". "Infatti - rispondono gli studiosi -, e in tal senso si può dire che Anassimene fa registrare un regresso rispetto ad Anassimandro, ma - aggiungono - rispetto al maestro egli ha fornito una più convincente spiegazione del processo di deduzione del reale dall'unico principio". E questa formulazione, scoraggiandovi terribilmente, vi ridurrebbe probabilmente al silenzio.
GLI ATOMISTI
Per gli atomisti, Democrito (nell foto), Epicuro, Lucrezio, la realtà è fatta di atomi eterni ed indistruttibili, differenti  per forma e grandezza, che si muovono nel vuoto. Tutto nasce dalla combinazione meccanica di atomi, anche la vita e il pensiero. Democrito ritiene che la materia di ciò che è eterno cosiste in piccole sostanze infinite di numero; e suppone che queste siano contenute in altro spazio, infinito per grandezza. Egli reputa che le sostanze siano così piccole da sfuggire ai nostri sensi; e che esse presentino e combinino ogni genere di figure e differenze di grandezza.